Lo usi tutte le notti ma forse non lo pulisci nel modo giusto, ti sveliamo i trucchi per farlo tornare come nuovo

Lo usi tutte le notti, ma sai come pulirlo bene? Ti diciamo noi come fare, con consigli e trucchetti infallibili. Scopri subito di cosa stiamo parlando!

Tutti noi dovremmo dormire bene. Qualità e quantità del sonno sono importanti per il nostro benessere psicofisico. Spesso stress, ansie e preoccupazioni incidono, procurando disturbi del sonno più o meno gravi. Su tutti c’è l’insonnia, una piaga che affligge molti italiani, soprattutto in questo periodo di pandemia Covid-19.

Sulla qualità del sonno pesano anche stili di vita sbagliati e cattive abitudini alimentari. Ci sono cibi e bevande che possono avere delle piccole controindicazioni. Se ne abusiamo, ci rigiriamo nel letto senza chiudere occhio.

donna
(Adobe Stock)

I disturbi del sonno si accentuano con il cambio di stagione e l’ora legale. Abbiamo un’ora di sole in più al giorno ma, questo, incide sulla produzione di melatonina, che è l’ormone che regola il ritmo veglia-sonno.

Per dormire bene, servono un buon materasso e cuscini comodi. Ma nn è tutto. Bisogna pulire bene il letto perché, sulla testiera, si accumulano polvere, germi e batteri. Una pulizia accurata è fondamentale e bisogna preservare anche il materasso. Scopriamo insieme in che modo.

Lo usi tutte le notti sul materasso. Trucchi per pulirlo bene

Su ogni materasso ce n’è uno. E’ un complemento importante nella nostra camera da letto. Quasi sempre è in spugna di cotone, con cerniera oppure no. Di cosa stiamo parlando? Del coprimaterasso, protezione indispensabile per evitare l’accumulo di polvere e l’insorgenza di macchie giallastre sul materasso.

coprimaterasso
(Adobe Stock)

Quando si cambiano le lenzuola, preferibilmente ogni settimana o, in alternativa, ogni quindici giorni, bisogna mettere in lavatrice anche il coprimaterasso. E tu sai come lavarlo bene? Se la risposta è no, niente panico! Ti sveliamo tutti i trucchi per farlo tornare come nuovo. Ecco la mini-guida che ti farà risparmiare tempo e fatica!

  • Occhio alla temperatura. Il coprimaterasso si lava senza grosse difficoltà, ma è importante impostare un lavaggio con la giusta temperatura, tra i 40 e i 60 gradi. Questa è l’indicazione che, in genere, si trova sull’etichetta. Il coprimaterasso bagnato diventa un macigno! Quindi, qualche giro di centrifuga ci può stare.
  • Scegli la temperatura in base ai materiali. Per i coprimaterassi in fibra di bambù o in pvc va bene un lavaggio a 40 gradi. Per quelli in lino, invece, puoi impostare a 60 gradi senza problemi. Il coprimaterasso in lana, invece, è più delicato, ma si può lavare in lavatrice. Qualche giro di centrifuga più dolce ci può stare. Per togliere eventuali pelucchi, usa una spazzola a setole morbide. Il tuo coprimaterasso sarà soffice e voluminoso, come nuovo!

LEGGI ANCHE –> Come pulire e igienizzare il materasso con rimedi naturali

  • Ogni quanto fare il cambio? Di solito si mette un coprimaterasso pulito ogni volta che si cambiano le lenzuola. D’altra parte è il modo migliore per avere un’igiene completa del letto. Se proprio non riesci a seguire questa regola, puoi cambiarlo anche una volta al mese. Tieni in casa almeno due coprimaterassi: userai quello di riserva nel frattempo che quello lavato si asciughi bene.
  • Trucco infallibile per le macchie gialle sul coprimaterasso. Si formano per il sudore e, spesso, lasciano un alone anche sul materasso. Ecco il rimedio della nonna più efficace. Metti un po’ di sale sulla macchia e spruzza un po’ di aceto bianco. Lascia agire per 10-15 minuti. Aggiungi poi un po’ d’acqua tiepida e strofina delicatamente con un panno morbido. Vedrai che la macchia inizierà a sbiadirsi.

Ora sai come procedere per igienizzare alla perfezione il tuo coprimaterasso. Non è poi così difficile se segui i nostri consigli. Il risultato sarà perfetto, provare per credere!