Come riutilizzare gli scarti dei crostacei: scopri astuzie e trucchetti da provare in cucina

In cucina non si butta via quasi nulla. Ecco come riutilizzare gli scarti dei crostacei. Scopri tutti i trucchetti per un risultato impeccabile.

Cucinare è un’arte ma è anche un’attitudine. Non a tutti piace stare ore e ore ai fornelli, per preparare il pranzo o la cena. C’è chi opta per pasti più veloci. I rimi frenetici della routine quotidiana hanno un certo peso. Molte persone passano quasi tutta la giornata al lavoro e, al rientro a casa, preferiscono mangiare un boccone al volo.

crostacei
(Adobe Stock)

Per chi ha più tempo (e voglia) la cucina è il posto giusto per dare sfogo alla creatività. Molti piatti si realizzano con un po’ di fantasia, unendo insieme ingredienti mai provati prima.

In cucina nascono le idee riciclo più originali. Come spesso diciamo, prima di buttare qualsiasi cosa, è bene chiedersi se può essere riutilizzata. E’ così per bucce e noccioli di frutta, acqua di cottura delle verdure, gambi di carciofi e così via. Stesso discorso anche per gli scarti dei crostacei. Scopri tutti i trucchi in cucina per trasformali in una vera bontà!

Riutilizzare gli scarti dei crostacei. I trucchi in cucina!

Anche dei crostacei non si butta via (quasi) nulla. Dai loro scarti, sciacquati e trattati a dovere, si ottiene il famoso fumetto, che è un brodo fatto ‘in economia’. Ma non è tutto. Possono essere utilizzati come ingredienti per un buon sugo a base di pesce.

crostacei
(Adobe Stock)

Il fumetto è la versione più povera del brodo che si prepara con gli scarti di pesce. Basta mettere in una pentola con dell’acqua fredda teste, lisce e gusci di crostacei. Per aromatizzare il tutto, si consiglia di aggiungere un po’ di cipolla, un gambo di sedano, due foglie di alloro e una carota.

La cottura deve essere a fuoco lento e deve durare per non più di 10-12 minuti. Trascorso il tempo utile, il brodo va messo in una ciotola e lasciato raffreddare, per poi filtrarlo con un colino.

Un’altra idea di riciclo in cucina consiste nell’utilizzare gli scarti dei crostacei per un sughetto a base di pesce. Ecco come si prepara.

LEGGI ANCHE –> Come riutilizzare l’acqua di cottura delle verdure: scopriamolo insieme

Ingredienti per due persone:

  •  1 spicchio d’aglio
  • 7-8 pomodorini di Pachino
  • olio extravergine d’oliva (q.b.)
  • prezzemolo tritato
  • peperoncino in polvere
  • vino bianco (q.b.)
  • 1 acciuga salata
  • gusci di crostacei

Preparazione: Fai dorare l’aglio in una padella con olio extra vergine d’oliva. Gira spesso con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere una coloritura uniforme. Fatto questo, aggiungi un po’ di prezzemolo e del peperoncino, per iniziare a far insaporire il sugo. Il resto lo aggiungerai a preparazione ultimata. A questo punto puoi unire i gusci di crostacei. Sfuma con del vino bianco e lascia cuocere a fuoco lento per 4-5 minuti. Aggiungi poi i pomodorini di Pachino e l’acciuga. Infine completa la cottura, allungando con un po’ d’acqua calda se serve.

Il tuo sugo di pesce sarà pronto in meno di mezz’ora. Ovviamente, devi spremere bene teste e gusci, per avere più sapore. Fatto questo, puoi buttare via gli avanzi. I pomodorini Pachino, insaporiti a dovere, saranno perfetti per condire una pasta fresca, magari gli scialatielli.

Prima di portare il piatto in tavola, aggiungi un altro po’ di prezzemolo tritato. Accompagna con un buon bicchiere di vino bianco. Che dire di più? Non ti resta che provare!

 

 

 

 

Da leggere