Eleonora Daniele, dolore per Martina: le parole che uniscono tutti

Eleonora Daniele torna a parlare della morte di Martina Rossi, la giovane ventenne caduta da un palazzo in Spagna: il post social.

eleonora daniele
Screenshot da video

Eleonora Daniele, che da tempo si occupa anche di questioni delicate nei suoi talk show, è tornata a parlare di Martina Rossi. La ragazza deceduta qualche anno fa in Spagna per essere precipitata da un palazzo in circostanze sospette. La giovane, di soli 20 anni, non sarebbe caduta accidentalmente.

Il sospetto torna a galla, il caso viene riaperto e si appura che quella caduta è dovuta a un inseguimento. Indagati i ragazzi che erano con lei, al sesto piano di quel palazzo: violenza sessuale di gruppo. Queste le accuse promulgate dagli inquirenti. Quelle che inizialmente erano solo ipotesi trovano conferma dopo anni di indagini, supposizioni e certezze messe in fila.

LEGGI ANCHE – Ignazio Moser, chi è: età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

Eleonora Daniele, il post social per Martina Rossi

eleonora daniele
Screenshot da video

Tre anni, giustizia è fatta: Eleonora Daniele arriva a questa conclusione e ‘celebra’ questo traguardo per la Giustizia italiana, ma soprattutto per la famiglia della ragazza, sui social network. Queste le parole della conduttrice: “Martina Rossi, la sentenza della Corte d’Appello: 3 anni ai due imputati per tentata violenza sessuale di gruppo. Giustizia e’ fatta ma tre anni sono troppi pochi”.

Un capitolo si chiude anche grazie all’apporto e il supporto di “Storie Italiane”, ma restano tanti interrogativi. Soprattutto in merito all’iter giudiziario: caso archiviato e poi riaperto “solo grazie alla tenacia dei genitori che non hanno mai creduto alla prima versione dei fatti”.

“Se non avessero lottato, la memoria della povera Martina sarebbe stata infangata”, conclude Eleonora Daniele su Instagram. Parole dure che, però, rappresentano al meglio lo smarrimento con cui, talvolta, bisogna fare i conti al cospetto di determinate vicende. Tanto buie quanto inaudite.

Da leggere