Conosci l’olio di lentisco? Ecco perché dovresti

L’olio di lentisco è un alimento che pochi conoscono e che andrebbe invece esplorato più a fondo. Conosciamolo insieme.

L’olio di lentisco è poco conosciuto ma ha davvero ottime proprietà e può rendersi utile al nostro fisico in molti modi.
Scopriamo insieme quali sono le sue qualità e come sfruttarle al meglio.

Tutto sull’olio di lentisco: proprietà, controindicazioni e curiosità

lentisco
fonte foto: Adobe Stock

Il lentisco (Pistacia lentiscus) è un cespuglio perenne della famiglia delle Anacardiacee. I frutti del lentisco, dai quali si ricava l’olio, sono dei piccoli agglomerati di bacche rossicce, con un nocciolo all’interno che maturano in inverno.
Originario del bacino del Mediterraneo, è diffuso in Liguria e Sardegna dove l’olio di lentisco è ben conosciuto.
Essendo una pianta che contribuisce a migliorare il terreno, viene spesso utilizzata per recuperare terreni degradati o esausti.
Le sue proprietà sono dovute principalmente alla qualità dei suoi acidi grassi. L’olio di lentisco, infatti, apporta molti Omega9, Omega6 ed Omega3, che contribuiscono a rendere migliore la salute di cuore, sistema circolatorio e sistema immunitario.

La varietà di utilizzi dell’olio di lentisco è incredibile, si passa dall’uso per illuminazione su lampade ad olio, alla cura della pelle e dei capelli, dall’utilizzo come repellente per insetti all’alimentazione di animali e persone.
Ha inoltre spiccate proprietà aromatiche.

Del lentisco si utilizza tutta la pianta, difatti dalle foglie si estrae un olio essenziale che si usa in fito terapia per attenuare gonfiori, curare emorroidi, a deodorare parti del corpo e l’ambiente e curare ferite.
Dal fusto viene estratto il “mastice di Chio” una resina molto usata come colorante o come antisettico, deodorante e come incenso.
Dai frutti si estrae l’olio, con processi a freddo o a caldo.
L’olio di lentisco si può utilizzare sia per uso interno che esterno ed ha molte proprietà tra le quali le più importanti sono:

  • Diuretiche
  • Depurative
  • Antiinfiammatorie
  • Antisettiche
  • Emollienti
  • Cicatrizzanti
  • Gastroprotettive
  • Purificatrici
  • Antiinfluenzali
  • Anti colesterolo (cattivo)
  • Antireflusso
  • Antitumorali
  • Anti prurito
  • Antiossidanti

L’utilizzo dell’olio di lentisco fa bene all’organismo dentro e fuori.
Aiuta a ridurre i radicali liberi, protegge denti e gengive, utile contro la tosse, rigenera pelle e tessuti e favorisce al cicatrizzazione, contrasta la placca dentale, regola le funzioni intestinali ed aiuta a proteggere il sistema gastrointestinale.
Spesso viene aggiunto a creme e prodotti da bagno per le sue qualità emollienti.
L’olio di lentisco non ha solo un profumo gradevole ma anche proprietà balsamiche che lo rendono ottimale anche per i diffusori di essenze negli ambienti.
Calorie e valori nutrizionali
Questi i valori medi per una quantità di 100 g. di olio di lentisco:

  • Calorie: 892
  • Proteine: 0,5 g
  • Carboidrati: 2 g
  • Zuccheri: 2 g
  • Grassi: 99 g

Ovviamente questi valori non vanno intesi come assoluti. In base alla varietà scelta, infatti, alcuni valori potrebbero essere un po’ diversi. Questa è comunque una media piuttosto attendibile che da l’idea delle tante proprietà di questo olio.

LEGGI ANCHE -> Olio extra vergine d’oliva: quanto assumerne al giorno

Controindicazioni
Anche se non vi sono apparenti controindicazioni nell’utilizzo dei questo olio, se ne consiglia comunque un uso moderato e consapevole.
Coloro che hanno problemi di pelli molto sensibili dovrebbero far attenzione all’uso topico.

olio di lentisco
fonte foto: Adobe Stock

In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.

Come assumere l’olio di lentisco

Conosciuto si dai tempi antichi, l’olio di lentisco ha lasciato il campo all’olio d’oliva all’inizio del XX secolo, anche a causa del minor prezzo. Molto apprezzato sia a crudo che in cottura, ha spiccate note aromatiche ed è ideale anche per friggere.

Si tratta insomma di un olio che vale davvero la pena rispolverare e, se possibile, inserire nella propria alimentazione di tutti i giorni.

Da leggere