Come lavare bene la biancheria per neonati: consigli pratici per un risultato impeccabile

Come lavare alla perfezione la biancheria dei neonati? E’ il cruccio di tutte le mamme! Consigli e rimedi per un risultato perfetto. Scopri subito di più.

Essere mamme ti cambia la vita. Questo è quanto dicono tutte quelle che lo sono diventate. Ci sono mille nuovi abitudini con le quali fare i conti. Cambiano i ritmi di vita e gli orari, inclusi quelli del sonno.

biancheria
(Adobe Stock)

I primi mesi di vita del neonato sono quelli più delicati e intensi. Ci si barcamena tra pannolini, poppate, ninne nanne e così via. Molte donne sono mamme lavoratrici e, questo, è un aspetto non di poco conto. Fanno del loro meglio per coniugare professione e vita privata. Quando poi in casa c’è un neonato, le attenzioni da dare sono davvero tante.

Le mamme si pongono tantissime domande. Spesso si confrontano e si supportano su forum dedicati. Uno dei principali crucci può essere riassunto così: come lavare bene la biancheria dei neonati? L’igiene è fondamentale. Germi e batteri si accumulano ovunque. Scopriamo insieme alcuni trucchetti infallibili per lavaggi efficaci.

Come lavare la biancheria dei neonati. Gli accorgimenti

Tutine, bodini, bavaglini, calzini, cappellini ma anche copertine, lenzuolini e così via. La biancheria per neonati include davvero tanta roba! Per non parlare del fatto che si sporca in tempi record. Basta un rigurgito per macchiare, in un secondo, un bavaglino appena messo al piccolo.

Insomma le mamme, anche quelle che non sono alle prime armi, lavano spesso. E tu come te la cavi? Sai come pulire bene la biancheria di un neonato? Se la risposta è no, allora sei nel posto giusto. Di seguito facciamo il punto su consigli, trucchetti e rimedi per risultati perfetti in poche mosse. Schematizziamo di seguito alcune informazioni che ti potranno dare una mano.

biancheria
(Adobe Stock)

  • Separa sempre la biancheria. Quella del neonato va lavata da parte e con un detersivo non aggressivo. L’ideale sarebbe usarne uno di origine naturale. In commercio ce ne sono tanti, specifici proprio per i neonati.
  • Ogni quanto lavare la biancheria? Non c’è una regola precisa perché molto dipende anche dalle abitudini del neonato. Una cosa però è certa. I bavaglini vanno lavati ogni giorno. Vengono a contatto con saliva, residui di latte o di cibo, diventando facilmente un ricettacolo di germi e batteri.

LEGGI ANCHE –> Moda bambini: ultime tendenze per un abbigliamento perfetto!

  • Non aggiungere ammorbidenti. Meglio usare soltanto un detersivo delicato. L’ammorbidente potrebbe provocare irritazioni alla cute delicatissima del tuo piccolo. In alternativa, puoi provare un rimedio della nonna. Se lavi in lavatrice, nella vaschetta dell’ammorbidente, versa un po’ di aceto bianco. Ha un alto potere igienizzante.
  • No alla candeggina! Non pensarci mai, neppure per scherzo. E’ un prodotto troppo aggressivo. La tentazione potrebbe venirti, soprattutto con macchie ostinate, ma devi assolutamente evitare.
  • Rispetta le temperature. Cambiano a seconda del tipo di biancheria. Bavaglini e coprimaterassi vanno lavati sempre a 90°, per uccidere germi e batteri. Per tutta la biancheria in cotone e per i giocattoli lavabili devi impostare la lavatrice a 60°. Lenzuola colorate e i cambi giornalieri del neonato vanno lavati invece a 30°.

Ci sono poi altre accortezze. Per esempio non bisogna mai far indossare al piccolo della biancheria ancora umida. Altro consiglio: non eccedere mai con i detersivi. Meglio un misurino non troppo pieno. Non caricare troppo la lavatrice, se desideri un lavaggio perfetto. Infine, quando stendi il bucato, lascia il giusto spazio tra un indumento e l’altro. Così facendo il bucato si asciugherà prima.

Ora sai come fare per avere una biancheria per neonati sempre al top. Non è poi così difficile, servono soltanto metodo e costanza.

 

 

 

Da leggere