Look di primavera per sottolineare il punto vita? Ispiriamoci agli anni 50!

Nei look di primavera il punto vita può tornare a essere protagonista grazie ad abbinamenti intelligenti e a piccoli segreti di bellezza da prendere in prestito dagli anni Cinquanta! 

look primavera punto vita
(Pinterest)

Negli anni Cinquanta il punto vita era fondamentale nella figura di una donna: era necessario infatti sottolinearlo il più possibile al fine di dare alla figura l’adorata forma a clessidra che avrebbe fatto innamorare generazioni di uomini.

Molto spesso si pensa che solo le ragazze magre dovrebbero sottolineare il punto vita, ma si tratta di una falsa certezza.

Sono in realtà le donne formose e un po’ in carne a giovare di un look che concentri tutta l’attenzione all’altezza della cintura. Questo perché le ragazze giunoniche hanno fianchi larghi e seno abbondante: due punti di forza che vengono enormemente messi in risalto dai look tipici degli anni Cinquanta.

Le ragazze magre e dai fianchi stretti, cioè quelle dal classico fisico a rettangolo, possono invece giovarsi degli stratagemmi per sottolineare il punto vita per dare un po’ di movimento alla figura.

I look di primavera con cui mostrare il punto vita

look primavera punto vita
(Pinterest)

Il segreto per evidenziare il punto vita e farlo apparire più sottile è utilizzare cinture da indossare quasi come corsetti oppure scegliere gonne e pantaloni a vita alta, che fasciano i fianchi e stringono la vita per sottolineare la differenza di dimensioni tra questi due punti fondamentali dell’estetica femminile.

Eleganza classica: gonna lunga scampanata

La gonna lunga scampanata permette di sottolineare il punto vita grazie alla grande differenza di dimensioni tra la cintura e l’orlo della gonna in questione.

La forma a triangolo o a trapezio dell’intero outfit contribuirà a far apparire la vita estremamente sottile, soprattutto se questo capo verrà indossato con la camicia o la maglia all’interno della cintura.

Come sapevano perfettamente le donne degli anni Cinquanta, questo tipo di gonna va indossato con scarpe che abbiano almeno un po’ di tacco per slanciare il polpaccio e far apparire la caviglia più sottile.

Leggi anche => Ti piace lo stile un po’ retrò? Prova i tagli di capelli direttamente dagli anni Sessanta

Le gonne a campanella

Le minigonne sono un altro capo irrinunciabile del guardaroba femminile, e possono essere delle validissime alleate nella realizzazione di un look da sfoggiare in primavera per sottolineare il punto vita.

Per farlo sarà necessario scegliere sapientemente il modello, orientandosi verso gonne scampanate dalla vita stretta e dall’orlo molto ampio, magari decorato.

La decorazione sulla parte inferiore della gonna contribuirà infatti ad “allargare” visivamente quella zona aumentando il contrasto visivo tra l’orlo e la cintura, che dev’essere scelta rigorosamente a tinta unita e possibilmente scura.

Il motivo è che, come sanno le fashioniste, i colori scuri tendono a rimpicciolire otticamente le dimensioni di qualcosa, mentre i colori chiari fanno percepire come più ampi i contorni di una figura.

La cintura incorporata alla gonna

Molti modelli di gonna presentano cinture incorporate direttamente nella parte superiore del capo. Servono a sottolineare il punto vita armoniosamente, sagomando la gonna intorno alla figura in maniera assolutamente naturale e senza dar luogo al classico “stacco” cromatico creato da una cintura da sovrapporre alla gonna.

Anche in questo caso, naturalmente, si dovrà indossare un top o comunque un capo che non copra la cintura. L’ideale sono crop top che lasciano scoperto una piccola fascia di addome oppure bluse e camicie da infilare nella gonna.

Pantaloni a vita alta: assolutamente di tendenza

Tutto quello che è possibile fare con una gonna si può fare anche con un paio di pantaloni a vita alta. L’ideale è scegliere dei pantaloni palazzo o meglio ancora dei pantaloni a zampa di elefante, che aiutano a creare equilibrio tra la larghezza dei fianchi e quella della parte inferiore del corpo, massimizzando “l’effetto clessidra”.

Se si ha un fisico curvy sono da evitare i pantaloni a sigaretta, cioè con la parte finale piuttosto stretta intorno alla caviglia: avranno il pessimo effetto di far apparire le cosce molto grosse, più di quanto non siano realmente.

Ancora una volta, la parte superiore dell’outfit dovrà essere progettata in maniera da esaltare e non oscurare il punto vita: un body elastico dalla scollatura a cuore è un complemento perfetto per un look sexy e super romantico.

Da leggere