Come pulire e tagliare i finocchi: la guida pratica che ti alleggerirà il lavoro in cucina

Come pulire bene i finocchi? Se ti piacciono, te lo sarai chiesto almeno una volta. Scopri tutti i trucchetti per non sbagliare. Il risultato sarà perfetto!

Il finocchio è un ortaggio molto apprezzato in cucina. E’ leggero, dal sapore intenso e gustoso, perfetto per arricchire le tue insalate light. Può essere mangiato al naturale, bollito e condito con olio extravergine d’olia, oppure tagliato a listarelle da impanare e friggere.

Il finocchio fa bene alla salute. Ha proprietà depurative, digestive, antiossidanti ed endocrine. E’ adatto per le diete ipocaloriche, perché contiene per lo più acqua e fibre. E’ un ottimo ‘spezza-fame’, perché restituisce subito un senso di sazietà. E’ perfetto come spuntino fuori pasto.

Ci sono poi i finocchi selvatici, ideali per preparare gustose tisane. Ma puoi usarli anche per amari e decotti fatti in casa, con apprezzabili proprietà digestive. La natura, come spesso diciamo, ci dona molti alleati per il nostro benessere.

A rendere preziosi questi ortaggi, oltre alle fibre, ci sono anche vitamine e sali minerali. I finocchi garantiscono un buon apporto di calcio, potassio e fosforo. Tra le vitamine spiccano quelle di tipo A e C. La prima, è un toccasana per la vista e per il sistema immunitario. La seconda, invece, ha spiccate proprietà antiossidanti.

Ti sarai chiesto almeno una volta come pulire bene i finocchi. Sai come procedere? Se la risposta è no ti sveliamo tutti i trucchi in cucina per un risultato impeccabile. Scopri subito di più!

Come pulire bene i finocchi. Alcuni consigli pratici

Se ti stai chiedendo come pulire bene i finocchi, sei nel posto giusto. E’ più facile di quanto tu possa pensare. Con alcuni accorgimenti potrai avere un risultato perfetto in poche mosse. Di seguito schematizziamo i passaggi da seguire.

finocchi
(Adobe Stock)

  • Procurati un tagliare. Sopra dovrai appoggiarci il finocchio. Una superfice stabile ti aiuterà a tagliarlo bene e ad evitare spiacevoli inconvenienti, come graffi o tagli sulle mani. Distendi l’ortaggio e taglialo a metà. Fatto questo, prendi ogni metà e dai un taglio netto alla base, che di solito è quella più dura e malconcia. Devi scartarla.
  • Secondo step: rimuovi le foglie esterne. Devi selezionare bene, togliendo le foglie più rovinate. Fatto questo, taglia ancora fino ad ottenere 4 spicchi di finocchio. A questo punto, dovrai lavare ognuna delle parti accuratamente con acqua corrente. Infine, mettile a scolare per 4-5 minuti e poi passa a tagliarle alla julienne. Se ti piace il finocchio al naturale, allora puoi mangiarlo a spicchi. Sono appetitosi e croccanti!

Questi sono i passaggi da seguire per pulire e tagliare bene i finocchi. A te poi la scelta di decidere come cucinarli. Ci sono tantissime ricette, alcune delle quali molto veloci da preparare.

LEGGI ANCHE –> Finocchi: un grande aiuto per perdere peso

C’è poi il discorso della conservazione. Come fare per preservare tutte le proprietà nutrizionali dei finocchi? La risposta è semplice. Possono essere conservati in frigorifero, anche per 2-3 giorni, a patto però che vengano riposti nel reparto meno freddo. Ti consigliamo di metterli in sacchetti di carta, magari riciclando quelli del pane.

Discorso a parte per i finocchi già cotti. E’ sconsigliato congelarli. In frigo, invece, possono restare per 1-2 giorni, purché siano conservati in un contenitore con chiusura ermetica.

Da leggere