Top 5 creme autoabbronzanti: per regalare alla tua pelle un anticipo di estate

Le creme autoabbronzanti sono una sorta di must del periodo primaverile: regalano alla pelle troppo pallida un colorito luminoso e ci danno una sferzata di energia!

crema autoabbronzante
(Pinterest)

Dopo aver trascorso in casa i mesi invernali e anche gran parte dei mesi primaverili, di certo il colorito della nostra pelle non è il più luminoso e il più in salute che si possa immaginare.

Nel corso della primavera, infatti, la pelle acquisisce di solito un colore leggermente dorato o addirittura ambrato: è merito della leggera esposizione ai raggi del sole, che in questa stagione non sono aggressivi come durante l’estate.

Cosa si fa quando purtroppo non è stato possibile trascorrere all’aria aperta molte ore? Si corre ai ripari utilizzando una crema autoabbronzante, che è l’alternativa salutare, economica e soprattutto praticissima dell’abbronzatura ottenuta con i lettini e le lampade UV.

Tutti i consigli per ottenere il meglio dalle creme autoabbronzanti

crema autoabbronzante
(Pinterest)

Esattamente come qualsiasi altro cosmetico da applicare direttamente sulla pelle, le creme autoabbronzanti devono adattarsi alle caratteristiche dell’epidermide.

Proprio per venire incontro alle diverse esigenze dei consumatori, questi prodotti sono stati messi in commercio in diversi formulazioni: fluidi, mousse, gocce, spray.

A seconda della qualità della pelle e a seconda delle proprie esigenze pratiche sarà quindi possibile orientare la scelta verso il prodotto più adatto.

Bisogna precisare però che, come le creme idratanti, le creme autoabbronzanti danno il meglio di loro sulla pelle pulita, esfoliata, possibilmente depilata e idratata.

Il motivo è semplice: eliminando lo strato superficiale dell’epidermide, formato da cellule morte o comunque prossime a terminare il proprio ciclo vitale, il prodotto verrà assorbito meglio dagli strati sottostanti della pelle, inoltre i suoi effetti dureranno più a lungo.

Il consiglio, quindi, è quello di utilizzare creme autoabbronzanti dopo aver esfoliato accuratamente la pelle ed aver eliminato tutti i peli superflui, che potrebbero assorbire il prodotto e cambiare il proprio colore in uno più vistoso e sgradevole. Inoltre, la presenza di peli rende più difficoltosa l’applicazione omogenea del prodotto.

Anche l’idratazione della pelle è piuttosto importante per favorire la stesura del prodotto, soprattutto se andrà utilizzato su zone ampie come le gambe. Anche in questo caso il consiglio è quello di preparare la pelle all’autoabbronzante: dopo aver esfoliato la pelle sarà necessario applicare la crema idratante e farla assorbire bene. Dopo qualche ora sarà il momento di applicare l’autoabbronzante.

Qual è la crema autoabbronzante più adatta al tuo tipo di pelle?

gambe autoabbronzante
(Pexels)

Come già accennato, un prodotto autoabbronzante deve avere una formulazione adatta al tipo di pelle sul quale sarà applicato. Se così non fosse i risultati potrebbero risultare disomogenei o insoddisfacenti.

1 – Creme autoabbronzanti per pelle secca

La pelle secca ha bisogno prima di tutto di nutrimento e idratazione. Per questo motivo è consigliabile scegliere creme autoabbronzanti in formulazioni fluida. Questo prodotto, in tutto e per tutto simile alle normali creme idratanti, va applicato e steso accuratamente sulla pelle fino a completo assorbimento.

Una delle migliori creme autoabbronzanti fluide in commercio è il latte idratante autoabbronzante Garnier, che può essere utilizzato con grande efficacia sia sul viso sia sul resto del corpo.

2 – Creme autoabbronzanti per pelle grassa

La formulazione migliore per la pelle grassa è la mousse: si tratta di un prodotto dalla texture più leggera, che può essere applicato con grande facilità su tutto il corpo e che ha il grande pregio di non rendere oleosa la pelle grassa, come accadrebbe invece utilizzando una crema autoabbronzante con formulazione fluida.

Anche questo prodotto può essere steso a mani nude o con un apposito guanto applicatore, di cui si consiglia l’utilizzo se è necessario applicare la mousse su ampie zone del corpo come le gambe o la schiena.

Una delle migliori mousse autoabbronzanti in commercio è ancora una volta quella di Garnier della linea Ambra Solaire: si tratta di una mousse formulata in gran parte con ingredienti naturali e con l’aggiunta di latte di cocco, che risulta leggermente idratante (anche la pelle grassa può aver bisogno di idratazione) e allo stesso tempo piacevolmente profumato.

3 – Autoabbronzante in Spray per pelli normali

L’autoabbronzante in spray è una formulazione ultrapratica, che può essere utilizzata in qualsiasi momento e soprattutto in pochissimo tempo. La facilità con cui è possibile utilizzare questo prodotto su ampie aree del corpo lo rende adatto a chi non utilizza l’autoabbronzante soltanto sul viso, preferendo invece abbronzare con questa tecnica tutto il corpo.

Data la sua formulazione leggerissima questo prodotto non è adatto alle pelli secche e potrebbe avere qualche problema di assorbimento sulle pelli grasse. In linea generale è ideale per pelli normali, senza particolari mancanze o eccessi di sebo.

Uno dei migliori prodotti in circolazione per gli autoabbronzanti in spray è quello proposto da Collistar: garantisce un assorbimento rapidissimo e la massima tenuta del colore, che quindi resiste al trasferimento e non macchia i vestiti.

4 – Siero autoabbronzante per il viso

La pelle del viso ha esigenze leggermente differenti rispetto alla pelle del resto del corpo: per questo motivo è strettamente necessario soddisfare tali esigenze prima di pensare a donare al volto il colore dorato tipico dell’estate.

Per questi motivi le principali case cosmetiche del mondo hanno realizzato prodotti specifici con acido ialuronico e altri ingredienti in grado di minimizzare le prime rughe e assicurare alla pelle del viso elasticità e tonicità.

Questi prodotti vanno applicati come un siero di bellezza, quindi in piccolissime quantità, addirittura in gocce da spalmare sul viso prestando massima attenzione alle aree critiche che spesso vengono trascurate: si tratta degli angoli del naso e la zona immediatamente sotto agli occhi. Anche le orecchie dovranno essere coinvolte nel processo di abbronzatura istantanea per evitare uno sgradevole stacco di colore che non sempre può essere coperto dai capelli.

Uno prodotto nuovo per la cura e l’abbronzatura della pelle del viso è quello di Nature’s, arricchito con olio di argan e acido ialuronico.

5 – Il guanto applicatore

Anche se non si tratta esattamente di un prodotto autoabbronzante, il guanto applicatore risulta strettamente necessario in determinate occasioni e, in particolare, per stendere in maniera omogenea la crema autoabbronzante su aree molto ampie del corpo.

In questo modo, oltre a ottenere risultati ottimali, sarà possibile preservare le mani, evitando che il contatto prolungato con grandi quantità di prodotto finisca per alterarne il colore.

In linea generale, quando si utilizzano creme fluide su tutto il corpo, il consiglio è di utilizzare piccole quantità di prodotto per volta e procedere a stendere la crema con un apposito guanto applicatore fino al completo assorbimento prima di passare a un’altra zona.

Da leggere