Perché in ogni donna ci vorrebbe un po’ di Marisa Laurito? Storia di una ribellione

Marisa Laurito è una delle grandi attrici comiche italiane, ma per diventarlo ha dovuto sfidare tutti (o quasi) gli uomini importanti della sua vita: ecco la sua storia.

Marisa Laurito
(Instagram)

Nata a Napoli nel 1951, sotto il segno dell’Ariete, Marisa Laurito ha messo in pratica in tutto e per tutto le caratteristiche principali del suo segno zodiacale.

Appassionata, focosa e testarda, era nata per fare l’attrice e ha dovuto combattere a lungo per diventarlo.

Nel corso della sua vita, infatti, ha dovuto scontrarsi contro i desideri e le aspettative degli uomini più importanti della sua vita: il padre e l’unico marito che Marisa abbia mai avuto. Entrambi infatti volevano fare di lei una donna di casa, una madre e una moglie amorevole.

Ecco com’è andata la storia della ragazzina che a tutti i costi voleva vivere in una tragedia greca.

Marisa Laurito: tutte le lotte per diventare attrice

Marisa Laurito
(Instagram)

Da bambina si era convinta che il suo destino sarebbe stato quello di calcare il palcoscenico.

Appassionata di teatro drammatico, sognava di essere la protagonista delle grandi tragedie greche senza tempo. Marisa ha raccontato che passava ore e ore a imparare le parti delle grandi protagoniste tragiche come Medea, ma l’immedesimazione e la sofferenza erano troppe. “Piangevo troppo e soffrivo. A un certo punto ho pensato ‘ma chi me lo fa fare?’ e ho cominciato a studiare le commedie” ha detto scherzando molti anni dopo.

In realtà proprio il desiderio di cimentarsi con la commedia la avrebbe portato, appena ventunenne, al Teatro San Ferdinando di Napoli, diretto all’epoca dal grande Eduardo De Filippo.

Quando Eduardo le fece il primo provino in assoluto venne immediatamente colpito da quella ragazza dalla R moscia. Decise su due piedi di prenderla e, insieme a lei, cominciò a cambiare tutte le parole del suo copione che contenevano la R, in modo che la giovanissima attrice avesse meno difficoltà a imparare e a pronunciare le sue battute.

Fatto questo la spedì in amministrazione e, su due piedi, la mise sotto contratto: Marisa non credeva a quello che le stava succedendo. La parte più difficile, però, doveva ancora arrivare.

Il padre di Marisa Laurito era infatti un uomo vecchio stampo, che credeva profondamente nella disciplina e nel ruolo tradizionale della donna: sperava infatti di vedere sua figlia Marisa sposata e con molti figli, non certo in giro per il mondo insieme a una compagnia teatrale.

“Quando dissi a mio padre che avevo il contratto si accasciò sulla sedia” raccontò l’attrice. “Ma io non avrei mai rinunciato, mi ero guadagnata quel contratto con tanta gavetta”.

C’è da dire che, nel corso degli anni, quella famosa R moscia è diventata una caratteristica inconfondibile della Laurito, che la mette orgogliosamente in mostra anche quando canta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro Tresa (@alessandrotresa)

Dal momento in cui divenne una delle pupille di Edoardo De Filippo la carriera teatrale di Marisa Laurito è stata un crescendo continuo. Oggi, a settant’anni, Marisa è la direttrice artistica del teatro Trianon di Napoli.

Se la sua vita da attrice ha visto sfilare un ingaggio dietro l’altro e un teatro dietro l’altro, dal punto di vista amoroso Marisa ha vissuto esperienze molto più deludenti.

L’unico marito di Marisa Laurito è stato infatti l’ex calciatore Franco Cordova. I due erano fidanzati per sette mesi e, innamoratissimi, decisero di sposarsi. Purtroppo l’esperienza per Marisa fu traumatica e il matrimonio durò soltanto poche settimane. “Subito dopo il fatidico sì è cambiato di botto” ha dichiarato l’attrice al Corriere della Sera. “Mi voleva donna di casa, pensava che avrei smesso di fare l’attrice. Insomma secondo lui avrei dovuto fermarmi a guardare lui che faceva la qualunque. Ho un carattere troppo indipendente e vitale. E ora sono legata da anni a un uomo che mi lascia totale libertà di portare avanti i miei impegni”.

Dopo la cocente delusione avvenuta ormai decenni fa, Marisa ha imparato a scegliere molto meglio i compagni della sua vita. L’uomo che le sta accanto oggi, quello che le lascia la sua adorata libertà, si chiama Pietro Pedrini ed è un ex imprenditore. Nonostante l’amore che li lega da ormai 20 anni, Marisa non ha mai voluto sposarsi, forse per il terrore che la loro relazione possa degenerare com’era accaduto con Franco.

Nel 2019 la Laurito a Vieni da Me raccontò che, in realtà, nella sua vita ha inscenato un falso matrimonio oltre a quello (verissimo, con Franco Cordova). L’attrice all’epoca conviveva con uno dei suoi fidanzati. Suo padre, che era diventato molto anziano e ancora più intransigente, non sopportava la situazione, considerando questo comportamento completamente inaccettabile per una “brava ragazza”. Con la complicità del resto della famiglia Marisa decise allora di inscenare un falso matrimonio e di ingannare suo padre a fin di bene.

Con l’attuale compagno Marisa non ha nemmeno avuto figli. L’attrice ha confessato che ad un certo punto della sua vita, arrivata al “giro di boa” della mezza età, aveva temuto che avrebbe rimpianto amaramente la scelta di non diventare madre ma che, con il senno di poi, lo rifarebbe. “Credevo che avrei rimpianto di non essere diventata madre, ma non è stato così, non mi è mancato” ha spiegato con grande serenità.

Da leggere