Ogni quanto cambi le lenzuola del letto? Ecco la guida che ti salverà la vita mentre dormi

Rotolarsi nella biancheria pulita è una sensazione appagante! E tu ogni quanto cambi le lenzuola del letto? Ecco tutte le regole da seguire per una massima igiene.

Non c’è nulla di più piacevole che dormire in lenzuola fresche e pulite. E’ una sensazione davvero impagabile! A volte siamo così stanchi dopo il lavoro che, tutto quello che vogliamo, è soltanto fare una doccia e tuffarci a letto. E’ la giusta ricompensa per mente e corpo, dopo una giornata densa di impegni. Quando troviamo lenzuola fresche sul letto, proviamo una sensazione di benessere indescrivibile.

Che siano di cotone, lino, seta o flanella, a tinta unita oppure a fantasia, le lenzuola ci avvolgono durante il sonno, proteggendoci anche dai cali notturni di temperatura. Alcuni non rinunciano al lenzuolo neppure d’estate e preferiscono coprirsi a metà.

lenzuola
(Pixabay)

Ma qual è il motivo che spinge ad avere una ‘copertura’ quando si dorme? Non c’è solo l’esigenza di favorire la giusta temperatura corporea durante la notte. C’è anche una componente psicologica. Essere avvolti dalle lenzuola ci fa sentire più sicuri e ci richiama alla mente la protezione che provavamo da bambini, quando i genitori ci mettevano a letto.

Tra le lenzuola ci sentiamo al sicuro! Ci coccolano e ci fanno dormire sonni più tranquilli. Ma ogni quanto vanno cambiate? Scopri subito quali sono i tempi e perché vanno rispettati.

Lenzuola sul letto: ogni quanto cambiarle e perché?

Per dormire bene conta molto anche la qualità della biancheria in cui si è avvolti. Oltre ai materiali, bisogna badare anche all’igiene! Gli italiani sono molto attenti alla cura del proprio letto. Tendenzialmente cambiano spesso le lenzuola, anche se le abitudini possono variare un po’ a seconda dei casi. Vediamo ogni quanto si dovrebbe cambiare la biancheria del letto.

lenzuola
(Pixabay)

Gli esperti raccomandano di sostituire le lenzuola ogni settimana. In alternativa, si può fare un cambio ogni quindici giorni (in totale due al mese). E’ un consiglio dato per tutelare e proteggere al meglio il nostro organismo.

Di notte si attivano una serie di funzioni vitali, ci rigeneriamo e ci disintossichiamo. Si tratta di ‘reazioni chimiche’ benefiche che producono però sostanze di scarto come sudore, anidride carbonica e così via. Ecco perché, oltre a cambiare le lenzuola, è bene favorire il ricambio d’aria al mattino e alla sera, tenendo la finestra aperta almeno per 10-15 minuti. In una stanza con aria pulita si dormirà molto meglio!

LEGGI ANCHE –> Ecco come lavare le lenzuola in lavatrice in modo perfetto

Le lenzuola vanno cambiate periodicamente perché, su di esse, si accumulano germi e batteri. Si pensi agli acari della polvere, ai pollini e così via. Lo stesso vale anche per la biancheria che indossiamo. Pigiami e camicie da notte andrebbero cambiati ogni 7 giorni, in concomitanza con le lenzuola.

Per mantenere l’odore di pulito delle lenzuola nei cassetti, ci sono rimedi della nonna efficaci. Si possono usare dei profumatori fatti con sacchetti di iuta riempiti con petali di lavanda, bucce d’arancia essiccate, cannella ecc. Puoi realizzarli anche tu, magari riciclando dei vecchi sacchetti di bomboniere.

Un ultimo consiglio. Prima di sostituire le lenzuola, è sempre bene dare una pulita all’intera struttura del letto, compresa la spalliera, per evitare che la polvere possa poi cadere sulla biancheria fresca di cambio.

 

 

 

 

 

 

 

Da leggere