Perché hai paura di innamorarti? Ecco cos’è la philofobia e come superarla

Sogni l’amore ma ne hai al contempo paura? Potrebbe trattarsi di philofobia. Ecco quali sono i sintomi e come superarla.

È convinzione comune che l’amore ed in particolare le primi fasi dell’innamoramento siano quanto di più bello ci sia al mondo. L’intero organismo viene pervaso da un’energia nuova che spinge a sentirti più carichi, forti e che tante volte porta a cambiare e a migliorare come persone. Eppure, non per tutti è così.

Ci sono infatti persone che tendono a vivere l’innamoramento come qualcosa da temere. E se è capitato anche a te, non hai nulla da temere perché si tratta di un problema piuttosto comune chiamato philofobia. Scopriamo quindi di cosa si tratta e come fare a superarlo.

Philofobia: come riconoscerla

La philofobia rientra tra le tante fobie esistenti e riguarda nello specifico quella legata all’amore.

donna triste
fonte: Adobe Stock

Chi ne soffre, ha infatti una vera e propria paura di innamorarsi alla quale si legano sintomi tutt’altro che piacevoli. Tra i tanti, i più comuni sono:

  • Ansia
  • Tachicardia
  • Attacchi di panico
  • Nausea
  • Vertigini
  • Sudorazione
  • Tremori
  • Capogiri

Sintomi che solitamente si innescano quando si avverte una sensazione di pericolo. Cosa che spinge la persona alla fuga e che porta chi soffre di philofobia a prendere le distanze dal sentimento che sta iniziando a provare.

Inutile dire che si tratta di una condizione davvero poco piacevole e che spesso influenza in modo negativo la qualità della vita. Chi teme di innamorarsi, infatti, tende a sfuggire situazioni normalmente considerate positive, non riesce a rapportarsi con gli altri come vorrebbe e a volte può finire persino con l’isolarsi in modo da non correre rischi. Un problema che per fortuna può essere risolto purché si abbia la voglia e la costanza di lavorarci su.

La buona notizia è che se ti sei riconosciuta in questi sintomi e hai capito di avere questo problema sei già sulla buona strada. Questo è infatti il primissimo passo da compiere per uscirne in modo positivo.

Come superare la philofobia

Una volta compreso di avere una vera e propria paura di innamorarsi, è importante capirne le cause. Solo affrontandole una ad una si può infatti sperare di arrivare a trovare una soluzione.

mano con cuore
fonte foto: Adobe Stock

Spesso per farlo è importante rivolgersi ad un terapeuta in modo da affrontare ogni punto nel modo giusto e, sopratutto, con i tempi appropriati. Andare troppo piano o cercare di affrettare le cose può infatti accrescere il problema invece di risolverlo.

Tra le varie possibilità per risolvere il problema in modo risolutivo quelle solitamente più considerate sono:

  • La desensibilizzazione graduale (attraverso la creazione reale o simbolica di ciò che si teme)
  • L’ipnosi (per comprendere e superare eventuali traumi del passato)
  • La programmazione neurolinguistica (che porta a raccontarsi usando parole diverse)

Ovviamente esistono anche altri approcci che vengono solitamente scelti insieme al terapeuta prendendo in considerazione la propria situazione e l’entità del problema.

Ovviamente, se il problema è solo iniziale si può pensare di agire da soli. In questo caso la prima scelta da compiere è quella di non scappare davanti all’amore e di cercare di vivere la situazione con rilassatezza e senza farsi troppi film sul futuro. Inoltre, parlare con il partner e comunicargli ciò che si sente può essere un punto a favore.

Questo approccio, però, può essere rischioso perché in caso di nuovi traumi potrebbe peggiorare la situazione nella quale ci si trova. Per questo motivo, anche se ritieni di avere un problema in fase iniziale la scelta migliore è sempre quella di farsi aiutare. In questo modo l’amore non sarà più qualcosa da temere ma una bellissima avventura da vivere.

Da leggere