Con questa dieta Tina Cipollari, opinionista di Uomini e Donne, aveva perso circa 20 Kg

Tina Cipollari, opininista di “Uomini e Donne”, ha seguito una dieta che le aveva permesso di perdere circa 20 kg: scopriamo di cosa si tratta.

Una dieta che aveva fatto perdere a Tina Cipollari, nota opinionista di “Uomini e Donne” la trasmissione in onda su Canale 5 condotta da Maria De Filippi, ben 20 kg.

Tutto è partito proprio dalla padrona di casa e moglie di Maurizio Costanzo che ingaggiò una naturopata, Emanuela Casaldi esperta di alimentazione e metabolismo, la quale elaborò per la vamp di “UeD” un regime restrittivo e ipocalorico piuttosto efficacie.

Tant’è che gli appassionati della trasmissione ricorderanno come la bionda opinionista di pesava in studio con cadenza regolare arrivando a perdere fino a circa 20 kg. Ma in cosa consiste questo regime? Scopriamo di più.

Ecco la dieta che ha permesso a Tina Cipollari di perdere quasi 20 kg

Tutti i fan di “Uomini e Donne” ricorderanno la dieta che permise a Tina Cipollari di perdere ben 20 kg. Ma com’era strutturato questo regime ipocalorico ideato dalla naturopata ingaggiata dalla De Filippi?

La dieta prevede di consumare 5 pasti al giorno, quindi oltre ai 3 principali si aggiungono gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio. Inoltre, prima di pranzo e prima di cena si mangia una lauta porzione di verdura a cui poi seguono o carne o pesce.

Nello specifico vediamo come è strutturata. Si parte a colazione con una fetta di pane tostato e un cucchiaino di marmellata light o burro di mandorle. A metà mattina si consuma uno yogurt magro e una porzione di frutta secca, come 10 mandorle o in alternativa un frutto fresco di stagione, circa 120 grammi.

Per pranzo dopo aver consumato una porzione abbondante di verdura condita con un cucchiaino di olio extra vergine di oliva si mangia una porzione di carne o pesce cotti in maniera dietetica, ad esempio alla griglia o al vapore. Occasionalmente si potranno abbinare dai 25 ai 50 grammi di pane oppure 50 grammi di pasta di farro.

Per merenda o 6 olive o 10 mandorle o altrimenti 120 grammi di frutta, come lo spuntino della mattina.

A cena si ripete lo schema del pranzo. Quindi verdura prima di carne o pesce.

I cibi no in questa dieta sono pasta, pane e dolci. Come cereali, invece, è ammesso il farro a dosi controllate.

Essendo una dieta praticamente senza carboidrati e ipocalorica ha permesso a Tina Cipollari di perdere peso molto velocemente. 

sostituire pesce
Adobe Stock

Essendo molto restrittiva, questa dieta richiede il monitoraggio costante di uno specialista. Inoltre, quando si decide di intraprendere un regime dietetico bisogna farlo solo dopo aver consultato un medico, specie se si soffre di determinate patologie.

Scopri anche la dieta Meta che ha permesso a Noemi di perdere 15 kg in 18 mesi. 

Da leggere