Il miglio è un alimento ricco di proprietà. Scopri le più importanti

Scopri quali sono le incredibili proprietà del miglio, un cereale sempre più usato e apprezzato.

Il miglio è un cereale utilizzato prevalentemente come mangime per avicoli, ma è anche un alimento senza glutine e per questo un valido aiuto in cucina anche grazie alle sue proprietà. Scopriamo insieme quel che c’è da sapere su questi piccoli e preziosi semi.

Tutto sul miglio: proprietà, controindicazioni e curiosità

miglio
fonte foto: Adobe Stock

Il miglio (Panicum Miliaceum) è un cereale della famiglia delle Graminacee. Molto ricco di sostanze nutrienti è ideale per l’alimentazione di grandi e piccini e sopratutto di coloro che soffrono di celiachia in quanto è privo di glutine, una volta decorticato.

Di origine incerta, il miglio è di sicuro presente nella dieta degli uomini sin dalla preistoria.
Ricco di carboidrati ma anche di proteine, intorno al 1400 veniva considerato un ottimo sostituto della carne.
In grado di essere conservato a lungo poteva essere stoccato per lunghi periodi e aiutare in caso di carestie.
Il miglio apporta un importante carico di sali minerali come potassio e zinco, vitamine A e B.

La buona quantità di potassio e fibre lo rendono un valido aiuto per intestino e sistema immunitario. Vediamo insieme quali sono le sue proprietà:

  • Depurativo
  • Diuretico
  • Digeribile
  • Proteico
  • Energizzante

Il miglio contribuisce a mantenere in salute denti, capelli ed unghie. Favorisce la motilità intestinale perché ricco di fibre. Aiuta a contrastare l’acidità di stomaco.

Miglio: curiosità che non tutti sanno

Pare che nella medicina tradizionale di un tempo vi era la credenza che il miglio riducesse al minimo le possibilità di aborto nelle gestanti (anche se di questa proprietà non vi sono riscontri certi).
In alcune regioni del sud Italia, il miglio viene chiamato volgarmente “vulpicoca”, in riferimento alle sue spighe che ricordano la coda di una volpe.

Calorie e valori nutrizionali del miglio

Questi i valori medi per una quantità di 100 g. di miglio:

  • Calorie: 378
  • Acqua: 9 g
  • Proteine: 11 g
  • Carboidrati: 73 g
  • Zuccheri: 0 g
  • Grassi: 4 g
  • Vitamina C: 0 mg
  • Calcio: 8 mg
  • Potassio: 195 mg
  • Ferro: 3 mg
  • Fibra: 9 g
  • Sodio: 5 mg

Ovviamente questi valori non vanno intesi come assoluti. In base alla varietà scelta, infatti, alcuni valori potrebbero essere un po’ diversi. Questa è comunque una media piuttosto attendibile che da l’idea delle tante proprietà di questo seme.

Controindicazioni
Chi ha problemi di tiroide non dovrebbe consumare miglio.
Coloro che sono allergici direttamente al miglio o alle graminacee dovrebbero astenersi dal consumo. In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.

Come assumere il miglio

miglio
fonte foto: Adobe Stock

Otre all’utilizzo classico come cereale, il miglio si può utilizzare per creare una bevanda tipo latte, rinfrescante ed energizzante. La farina di miglio è molto proteica e rappresenta anche una buona fonte di carboidrati. La si può utilizzare per preparare dolci, biscotti, e pani non lievitati. Data l’assenza di glutine, la farina di miglio non è adatta alla lievitazione. Il miglio si può trovare anche sotto forma di chicchi in fiocchi o soffiati, ideali per dolci tipo barrette o per le colazioni fit.

Si tratta insomma di un alimento ricco di proprietà preziose, versatile e che è sempre il caso di inserire nella propria alimentazione.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti