Il tuo respiro è così? Non va bene! Scopri subito come fare per rimediare

Se il tuo respiro è così, allora c’è qualcosa che non va! Scopriamo di più su cause e rimedi di un problema comune a molte persone

Respirare per noi è automatico, quasi non ce ne accorgiamo. Lo facciamo in maniera inconscia. Ad ognuno, però, il suo respiro. A seconda dello stato di salute o della fase che si vive, la respirazione può cambiare.

respiro
(Adobe Stock)

Per le donne in gravidanza la respirazione è molto importante. Bisogna acquisire tecniche specifiche per migliorarla in vista del parto. Ma c’è di più. Per imparare una corretta respirazione si può ricorrere anche allo yoga, che fa del respiro il suo punto focale.

La domanda però è: siamo sicuri di respirare bene? Vediamo insieme come approcciare la questione.

Se il tuo respiro è così devi rimediare. Consigli pratici

Respiriamo in continuazione (e per fortuna!) senza neppure accorcegene. Se dovessimo stare ogni volta a concentrarci su come inspirare ed espirare, forse a quest’ora non saremmo qui a parlarne.

ll corpo è una macchina perfetta. Non è solo una frase enfatica. E’ la pura verità. Quando c’è qualcosa che non va il nostro organismo ci lancia dei segnali preziosi. Questo vale anche per il respiro. Non sempre è quello giusto, purtroppo.

Sono in molti a respirare male e, questo, può portare a disturbi fastidiosi come il russare, ansia, asma e apnee notturne. James Nestor, autore di Breath: The New Science of a Lost Art, parla dell’importanza di una corretta respirazione e spiega alcuni trucchetti ed esercizi per correggere una modalità di respiro sbagliate.

Non si dovrebbe mai respirare con la bocca aperta. Solitamente lo facciamo quando siamo raffreddati. Ma è comunque una cattiva abitudine da eliminare perché è dannosa per il nostro organismo.

respiro
(Adobe Stock)

Dormire la notte con la bocca aperta altera il PH del cavo orale, rendendolo più acido e quindi terreno fertile per l’alito cattivo. Ma c’è di più. Dormire con la bocca aperta espone i polmoni alla polvere, agli allergeni, alle muffe e all’inquinamento nell’ambiente.

Bisogna usare il naso per respirare la notte, perché è la prima difesa che abbiamo contro batteri e allergeni. Con questa modalità di respiro ci garantiamo un’aria filtrata correttamente. Inoltre diamo ai polmoni circa il 20% in più di ossigeno di quando respiriamo con la bocca.

C’è un trucchetto per abituarti a respirare con il naso. Ce lo suggerisce proprio James Nestor. Ecco come fare. Prendi un pezzo di nastro adesivo della grandezza di un francobollo. Attaccalo delicatamente sulle labbra e tienilo per circa un’ora o, comunque, per tutto il tempo che ti serve per abituarti. Così facendo, risolverai gradualmente il tuo problema.

Se si dorme respirando con il naso, diminuisce anche il rischio di russare. La salute del nostro corpo passa anche attraverso un sonno corretto. E non c’è sonno salutare senza una buona respirazione. Quindi, se hai problemi, ora sai come risolvere.