Sei a dieta? Questo cibo ha pochissime calorie

I fiocchi di latte sono tra gli alimenti con minor calorie e con una quantità di nutrienti che li rende utili per chi è a dieta.

Quando ci si mette a dieta, una delle prime cose a cui si pensa è una lista di cibi da poter mangiare senso sensi di colpa. Alimenti il più possibile pronti, da poter inserire nei vari pasti della giornata e da poter usare anche come snack veloci quando si sta proprio morendo di fame.

Tra i tanti a disposizione, ce n’è uno che non viene sempre preso in considerazione ma che è semplice da reperire, buono e particolarmente versatile. Stiamo parlando dei fiocchi di latte.

Fiocchi di latte: come usarli se sei a dieta

fiocchi di latte
fonte foto: Adobe Stock

I fiocchi di latte sono tra gli alimenti top per chi è a dieta. Si tratta in fatti di un latticino fresco che ha poche calorie ma che vanta abbastanza proteine da poter saziare rapidamente.

Appartenenti ai formaggi così detti light, sono una buona fonte di proteine, magnesio, calcio ferro e vitamina B12. In genere il contenuto calorico varia in base al tipo di prodotto (ne esistono infatti di naturali e comprensivi di grassi e di altri del tutto privi di grassi). In genere, però, ci si aggira intorno alle 100 calorie per 100 grammi di prodotto.

Un quantitativo che riesce a placare il senso di fame in modo semplice e immediato e che per questo rende questo prodotto particolarmente utile se si è a dieta.

Ma come mangiare i fiocchi di latte? Tra le loro caratteristiche principali, i fiocchi di latte hanno quella di poter essere consumati in diversi modi. Si rivelano infatti un alimento altamente versatile. A colazione si possono mangiare insieme a della frutta o spalmati su una fetta di pane integrale o su mezza mela.
A pranzo e a cena si prestano benissimo nelle insalate o come fonte proteica da associare a verdure sia calde che fredde. Infine sono buoni anche nelle insalate di pasta.

fiocchi di latte colazione
font foto: Adobe Stock

Chi ne apprezza in modo particolare il sapore, può frullarli per inserirli come fonte proteica all’interno di dolci o di torte salate e può usarli per condire sia una pizza integrale che una lasagna di verdure. Se ci si trova a voler placare la fame durante il giorno, si rivelano ottimi avvolti nelle foglie di radicchio o di verdura o da mangiare insieme a verdure come sedano o carote.

Il loro uso è quindi particolarmente adatto per tutti i palati, a patto ovviamente di non essere intolleranti o allergici al latte. Per gli intolleranti al lattosio (qui puoi scoprire alcuni dei sintomi più comuni) ne esistono comunque di preparati appositamente. In caso di dubbi o di problemi di salute, però, è sempre bene consultare il proprio medico prima di consumarli.

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti