Lorenzo e Carlotta, figli di Valentina Persia: “Si vede solo il lato bello della maternità”

Valentina Persia e la depressione post-partum. La comica ha raccontato cosa si prova a diventare mamma. Ecco cos’ha rivelato.

Diventare mamma è un evento molto bello ma ciò che nessuno dice è che è allo stesso tempo traumatico. Valentina Persia infatti si è raccontata a cuore aperto rivelando i problemi di depressioni avuti post partum.  Diventata mamma dei suoi due gemelli a 43 anni, Valentina Persia ha raccontato a lungo il disagio provato nel momento in cui le hanno messo sulla pancia i gemelli.

Secondo la comica, che adesso la vediamo come protagonista all’Isola dei Famosi presentato da Ilary Blasi, si tende a descrivere il nido familiare con una visione onirica del “Mulino Bianco”, dove tutto è felice e perfetto. Ma in realtà la vita non è così.

Valentina infatti ha sottolineato come sia importante essere consapevoli che non tutte le donne avvertono in maniera immediata la sensazione di attaccamento al bambino appena venuto al mondo. Lei, per sua esperienza personale ha raccontato che dopo la nascita dei suoi gemelli, Lorenzo e Carlotta non ha provato nulla quando li hanno messi sulla pancia. Il motivo? La forte depressione post-partum.

Valentina Persia racconta la sua esperienza personale dopo la nascita dei suoi due gemelli, Lorenzo e Carlotta

Foto di Instagram

La regina de La sai l’ultima non si è infatti nascosta, anzi a rivelato a gran voce la forte depressione post-partum di cui ha sofferto: “Quello che accade all’interno del grembo e nella testa di una donna non è calcolabile. Si vede troppo la parte bella, la famiglia del Mulino Bianco”.

Valentina Persia lancia poi un forte e significativo messaggio per tutte le donne e gli uomini: “Io vorrei far capire a tantissime donne che non sono sole, che potrebbe essere fisiologico. Potrebbe accadere che il tuo corpo è in una situazione di stallo. E poi cominci a dire che è colpa tua. Si vede sempre e solo il bello della maternità invece io sono il contrario. È quando si cade che si trova la vera maternità”.

Da leggere