Agnello tutti i segreti per tagliarlo e cucinarlo in modo perfetto

La carne d’agnello è una delle migliori, anche per i bambini, ma esistono tagli più adatti da fare in padella, sulla griglia o arrosto: una piccola guida

cucinare l’agnello adobestock

 

Non solo a Pasqua, ma specialmente in quel periodo la carne di questo animale è grande protagonista sulle nostre tavole. Le sue carni sono delicate ma anche molto gustose, possiamo cucinarlo in diversi modi e proporlo con diversi abbinamenti. Ma come fare a scegliere i tagli più adatti e come si cucina l’agnello al forno oppure arrosto? Seguite i nostri consigli.

Intanto c’è differenza a seconda dell’età che ha l’agnello. I romani lo sanno, forse nelle altre regioni meno. L’agnello da latte è più conosciuto come abbacchio ed è quindi molto giovane. Quello più adulto da macellazione invece arriva in genere a 6-8 mesi di vita. In tutti i casi ci sono tagli maggiormente utilizzati: parliamo dello stinco, del carré, del petto, della sella ma anche della spalla e del collo.
In particolare però puntiamo sul carré perché da questo possiamo ricavare sua le costine che le costolette. Facciamo però attenzione, quando lo tagliamo a casa: le fettine non devono essere troppo sottili, perché diventeranno troppo dure in cottura. Dalla sella dell’agnello invece possiamo ricavare due filetti, da cuocere arrosto oppure in padella e alla griglia.

Ma ottimo nell’agnello è anche il cosciotto che possiamo preparare al forno, intero oppure disossato. Un po’ più dure sono le carmi del petto, utilizzate in genere farcite, anche perché hanno tempo di cottura più lunghi.

Agnello al forno oppure arrosto: qualche consiglio per la preparazione e la cottura

Una delle cotture più tipiche, non solo a Pasqua, è l’agnello al forno, in particolare il cosciotto accompagnato dalle patate. Il pezzo di carne deve essere curato e massaggiato, come un tradizionale arrosto. Salatelo già prima della cottura e se vi piace potete anche cospargerlo con un po’ di paprika. Poi appoggiatelo in una teglia insieme a delle patate tagliate a spicchi.

In superficie cospargete con fiocchetti di burro e un trito di aglio, rosmarino e timo. Quindi fate cuocere in forno preriscaldato a 210° per una quindicina di minuti e poi abbassate a 180° continuando la cottura per altri 40 minuti. Nel caso, aggiungete un bicchiere d’acqua se vedere che sta asciugando troppo.

Quando è cotto, spegnate e aprite lo sportello lasciando però la teglia ancora in forno per farla riposare. Qualche minuto e sarete pronti per servire il vostro cosciotto di agnello con le patate in forno.
Ma l’agnello è perfetto anche arrosto in doppia cottura. Adagiate la carne in una teglia che possa andare in forno, poi unite 2 spicchi di agli tritati ed erbe aromatiche come salvia e rametti di rosmarino. Fate rosolare l‘agnello sul fuoco per dieci minuti, girandolo perché cuocia in modo uniforme su ogni lato. Aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco secco, salate e pepate e poi continuate la cottura in forno preriscaldato a 170° per un’ora.

Fresh and raw meat. Leg of lamb uncooked , ready to grill and barbecue on black slate background

Passato questo tempo bagnate la carne con due mestoli di brodo e lasciate cuocere per ancora 15 minuti a 200°. Tirate la teglia fuori dal forno, lasciate intiepidire e portate in tavola.

Da leggere