Violenza Domestica: impara il gesto internazionale per chiedere aiuto

Perché c’è bisogno di un gesto internazionale contro la violenza domestica? Perché la violenza domestica è aumentata in maniera allarmante durante il periodo di lockdown e per le vittime, intrappolate in casa con il proprio carnefice, è diventato ancora più difficile denunciare. Imparare e diffondere il codice è un atto di responsabilità civile.

 

gesto violenza domestica
(Pexels)

Molto spesso si pensa che la violenza domestica riguardi solo le donne, ma non è affatto così. È vero però che le donne sono statisticamente più esposte alla violenza domestica e, per questo motivo, hanno più spesso bisogno di sostegno e di aiuto pratico.

Non stupisce quindi che il nuovo gesto internazionale contro la violenza domestica sia nato in Canada su iniziativa della Canadian Women’s Foundation, ma è strettamente necessario che a impararlo siano tutti, anche (e forse soprattutto) gli uomini non violenti.

Qual è il gesto internazionale contro la violenza domestica?

gesto violenza domestica
(Instagram)

Per eseguirlo si deve piegare il pollice verso l’interno del palmo e di dovranno chiudere le quattro dita sul pollice. Per quanto anche una sola ripetizione del gesto sia perfettamente chiara, valida e spesso efficace, è consigliabile ripetere il gesto più volte per far sì che il destinatario possa recepirlo chiaramente sia per aiutarlo a comprendere che si tratta di un codice e non di un gesto casuale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rita Benigno (@rita.benigno9)

Il motivo per cui il gesto internazionale contro la violenza domestica assomiglia a un saluto è per far sì che le vittime possano eseguirlo senza destare troppi sospetti nelle altre persone presenti in casa.

Le videochiamate sono un mezzo potentissimo per lanciare il segnale, poiché non vengono registrate e quindi non si lascia traccia sul proprio telefono del segnale appena inviato, inoltre consentono di lanciare il segnale all’esterno dell’abitazione anche senza allontanarsi da essa destando sospetti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Claudia Mazzaglia (@claudia.mazzaglia84)

Cosa fare se si riceve una richiesta d’aiuto per violenza domestica?

numero antiviolenza
(Instagram)

In Italia è attivo un numero anti violenza al quale è possibile telefonare sia in qualità di vittima sia in qualità di “persona informata dei fatti”.

Naturalmente è anche possibile chiamare direttamente le forze dell’ordine, cioè il 113 o il 112.

Molte persone vittime di violenza domestica non subiscono soltanto maltrattamenti fisici ma sono vittime di molti diversi tipi di violenza: si tratta di una fotografia desolante della situazione in cui sono costrette a vivere milioni e milioni di italiani ogni giorno, donne in massima parte.

Per questo motivo è importante saper riconoscere la violenza domestica in tutte le sue forme e sapere che ci sono istituzioni e associazioni che possono letteralmente fare la differenza e salvare una vita.

Da leggere