Zeppole di San Giuseppe: ecco i trucchi per prepararle alla perfezione

La festa del papà è alle porte e quale migliore occasione se non quella di festeggiarla preparando le zeppole di San Giuseppe: ecco tutti i trucchi per prepararle alla perfezione.

zeppole trucchi
Foto da Canva

Mancano pochi giorni alla festa del papà e se non vogliamo farci trovare impreparate all’appuntamento vi forniamo qualche valido consiglio per preparare le zeppole di San Giuseppe.

Si tratta di un dolce tipico della cucina campana ma che ormai è diventato a pieno titolo simbolo di questa festività in tutta Italia.

La ricette originale le vuole realizzate con la pasta choux, passate in forno e poi fritte in olio bollente, quindi e farcite con crema pasticcera e amarene sciroppate. C’è però chi gradisce di più la versione al forno. Scopriamo allora i trucchi per preparare zeppole di San Giuseppe degne di una pasticceria.

Ecco i trucchi per preparare zeppole di San Giuseppe perfette

zeppole trucchi
Foto da Canva

Il 19 marzo è alle porte, e quale miglior occasione se non la festa del papà per preparare le famose zeppole di San Giuseppe, il dolce tipico di questa festività.

C’è che le gradisce più fritte, come vuole la ricetta originale, e chi invece non vuole rinunciare al gusto ma limitando grassi e calorie e preferisce cuocerle solo al forno. E poi ricordiamo che il segreto per farle fritte ma senza unto è quello di cuocerle prima in forno e poi friggerle.

In questo modo la pasta choux si stabilizza formando una sorta di pellicina esterna che limita l’assorbimento dell’olio durante la frittura.

Vediamo allora i trucchi per preparare zeppole di San Giuseppe perfette.

1) Scelta delle uova. Sembra una banalità ma se non rispettiamo la pezzatura delle uova e ne mettiamo ad esempio 2 piccole e 3 grandi, andremo a sfalsare la consistenza dell’impasto. Per far sì che le zeppole abbiano la caratteristica forma arricciata il nostro impasto dovrà venire sodo e denso quindi meglio usare uova medie in modo da rispettare le proporzioni poi con gli altri ingredienti.

2) Aggiungere un uovo alla volta. Oltre che la quantità giusta dobbiamo mettere nell’impasto un uovo alla volta, il che significa che finché non sarà ben amalgamato con l’impasto il primo dovremo aspettare a unire il secondo, e così via.

3) Aggiungere le uova nell’impasto raffreddato. Dovremo aggiungere le uova solo quando l’impasto si è raffreddato altrimenti rischieranno di cuocersi e conferire all’impasto un odore di frittata.

4) Rispettare le dosi della ricetta. Non è una banalità ma in pasticceria le dosi sono fondamentali per la buona riuscita del nostro dolce. In questo caso ricordiamo di non eccedere con la dose di farina altrimenti sbilanceremo l’impasto che poi rischierà di non far gonfiare bene le nostre zeppole.

5) Usare il beccuccio giusto della sac a poche. Usandone uno troppo piccolo verrà una zeppola più piccola, ma attenzione perché se mettiamo più giri d’impasto per allargarla la pasta choux si ammasserà e in cottura si deformerà. L’ideale è scegliere un beccuccio a fiore da circa 8-10 mm e fare due giri, uno sopra l’altro, lasciando il buco in mezzo.

6) Distanziarle. Le zeppole, sia che si cuociano in forno, sia che si friggano gonfieranno, quindi la regola è distanziarle nella placca del forno, e quando le friggiamo non dovremo metterne troppe tutte insieme. Regoliamoci in base alla grandezza della pentola. In genere se ne mettono una o due alla volta.

Ed ora non resta che provare la ricetta delle zeppole di San Giuseppe tipica napoletana con la doppia cottura al forno e fritta. 

Altrimenti se preferite una cucina più salutare ecco la versione delle zeppole di San Giuseppe al forno. 

zeppole di San Giuseppe Adobestock

A voi la scelta.

Da leggere