Naso umido nei cani? Non sai cosa significa? Scopriamolo insieme

In molti sanno per esperienza che il naso dei cani tende ad essere umido. Tuttavia ci sono dei falsi miti da sfatare. Scopriamo insieme quali sono 

cane
(Getty Images)

Torniamo a parlare di cani. Sono amici fedeli sempre, anche nei momenti più bui, come quello che stiamo vivendo per la pandemia Covid-19. Donano un amore incondizionato e c’è persino chi chiede che la loro tutela venga introdotta nella Costituzione italiana.

Se hai un cane sarai abituato ad osservarlo quando annusa o, magari, quando si pulisce il pelo. In ogni caso, a prescindere dalla razza e dalla taglia, tutti i cani hanno un naso che tende ad inumidirsi. Ma sai perché? Proviamo a spiegartelo noi. Anzitutto diciamo subito che ci sono falsi miti da sfatare, legati proprio a questa circostanza. Facciamo chiarezza insieme, anche per evitare inutili preoccupazioni.

Naso umido nei cani. Tutto quello che c’è da sapere

cane
(Getty Images)

Naso umido nei cani? Capita spesso. Per prima cosa iniziamo col dire che è impossibile stabilire se il cane stia bene o meno soltanto osservando il suo naso. Questo perché un naso asciutto o bagnato può avere diversi significati, ma nessuno di essi potrà davvero dirti se il tuo cane è in buona salute oppure no.

Tra le false credenze c’è quella secondo cui un cane con naso asciutto gode di ottima salute. C’è poi chi pensa (sempre sbagliando) che l’amico fido debba avere sempre il naso umido. Non è così, assolutamente.

I cani si leccano spesso il naso con la lingua. Il motivo è preciso. E’ un loro comportamento, osservabile sia in estate che in inverno, e che serve a regolare la loro temperatura. Questa funzione non potrebbe essere svolta altrimenti perché i cani non hanno ghiandole sudoripare.

C’è poi da dire che, i cani, hanno un fiuto infallibile. Si pensi ad alcune razze che sono addirittura impiegate dalle unità cinofile per svolgere ricerche particolari. Leccandosi il naso, il cane migliora la percezione degli odori che lo circondano. Può arrivare a fiutare, anche a distanza, sostanze tossiche e dannose.

Se il tuo cane ha un naso secco, non allarmarti subito. Piuttosto devi iniziare a preoccuparti se vedi che dal naso cola del muco oppure se ci sono lesioni o piaghe. Sono campanelli d’allarme da non sottovalutare ed è bene rivolgersi al veterinario di fiducia per una diagnosi approfondita.

C’è un altro segnale che può farti capire cosa c’è che non va. Se vedi che il cane  si gratta il naso insistentemente e che starnutisce spesso, in maniera compulsiva, allora è il caso di portarlo subito a visita. Tutto questo potrebbe significare che sta combattendo con la forasacchi, ovvero che ha inalato involontariamente spighe di grano selvatiche, che si depositano nel naso oppure nelle orecchie.

Tieni conto che, i forasacchi, posso conficcarsi anche nella pelle del cane, causando seri problemi. Ciò può avvenire quando lo si lascia libero di correre in campagna piuttosto che in un parco.

cane
(Getty Images)

Le ‘spighette’ della graminacea possono entrare nel naso, nelle orecchie, negli occhi e persino conficcarsi nelle zampe. Causano molti fastidi all’animale e bisogna intervenire subito.

 

 

 

Da leggere