Quali sono le posizioni migliori a letto quando hai il mal di schiena?

Scopriamo insieme quali sono le posizioni a letto che puoi provare quando hai il mal di schiena: ecco come puoi continuare a fare l’amore!

posizioni a letto mal di schiena
(fonte: Canva)

A chi non capita di soffrire di mal di schiena?

Certo, tutti coloro che fanno attività fisica o che si ricordano di sgranchirsi dopo ore passate di fronte al PC o che hanno meno di 30 anni probabilmente risponderanno che il mal di schiena non lo provano spesso.

Per tutti gli altri, invece, il mal di schiena è una dura realtà: questo non vuol dire, però, che chi ne soffra debba rinunciare all’intimità!
Scopriamo insieme quali sono le posizioni che possono aiutarci sotto le coperte quando abbiamo la schienabloccata!

Posizioni a letto con il mal di schiena: ecco le migliori

posizioni a letto con il mal di schiena
(fonte: Canva)

Ovviamente, se il tuo mal di schiena è frequente (qui ti abbiamo spiegato cosa non fare per peggiorare la situazione), l’intimità è probabilmente l’ultimo dei tuoi pensieri.
Di più!
Se il tuo mal di schiena è davvero troppo doloroso è il caso di preoccuparsi prima di risolvere la situazione e poi… dei rapporti sessuali.

Se, però, ti capita di provare un certo dolorino alla schiena ma anche un desiderio di darti da fare con il partner, abbiamo la soluzione per te.
Magari non hai ancora mal di schiena ma hai paura che possa farti male se ti lanci in acrobazie troppo difficili da eseguire e questo potrebbe compromettere la tua prestazione.
(Ed è meglio, poi, non farti venire l’ansia da prestazione: se ti capita di averla, ne abbiamo parlato anche qui).

Anche se non sembra, infatti, durante un rapporto intimo usiamo tantissimo la colonna vertebrale, sottoponendola ad uno stress non da poco.
Per far sì che la situazione migliori, quindi, è il caso di “rivolgersi” a quelle posizioni che ci aiutano a scaricare il peso sulle gambe o sulle ginocchia.

A darci una mano, comunque, è arrivata come al solito la scienza nella forma di uno studio condotto all’Università di Waterloo in Canada.
I soggetti dello studio, come riportato da Focus, hanno fatto l’amore di fronte agli scienziati in cinque posizioni diverse.

Studiati grazie a delle telecamere ad infrarossi (non meno di otto), i movimenti delle dieci coppie studiate hanno fatto emergere dati piuttosto importanti.
I partecipanti allo studio erano tutte persone intorno alla trentina, senza problemi di lombalgia o mal di schiena ed in buona salute.

Le rilevazioni fatte sulla colonna vertebrale degli uomini, dunque, hanno evidenziato che tantissime posizioni mettono “in difficoltà” la schiena maschile.
Quella peggiore fra tutti, a quanto pare, sembra essere quella del cucchiaio e cioè quando siete entrambi sdraiati su un fianco ed il partner ti abbraccia da dietro.

Bene, invece, la posizione del missionario che permetterebbe a chi sta sopra di scaricare il peso del proprio corpo sulle mani e sulle ginocchia.
La colonna vertebrale verrebbe “liberata” dal peso del corpo e vi permetterebbe di concentrarvi solo sul piacere!
Ancora meglio sarebbero tutte le posizioni che permettono all’uomo di starein piedi“, lasciando che sia il muro od il letto a fare da “contrappeso”.
Anche le posizioni nel quale il partner si trova dietro di voi ma con i piedi o le ginocchia al suolo sono perfette per evitare mal di schiena molesti!

Lo studio, purtroppo, non ha evidenziato quali siano le posizioni peggiori per le donne.
Il gruppo di ricerca, però, ha annunciato che, con ogni probabilità, ci sarà un approfondimento sulla questione.
Ad essere veramente importante, però, è il dato che riguarda l’incidenza del mal di schiena sui rapporti intimi.

L’84% degli uomini ed il 73% delle donne, infatti, riscontra una diminuzione dei rapporti intimi a causa dei dolori alla schiena.
A lungo andare, quindi, questa patologia che si presenta come costante e cronica ma mai troppo grave, finisce per incidere sulla sessualità.

Sapendo, quindi, che ci sono posizioni che “stressano” particolarmente i vostri muscoli lombari adesso potete prendere i provvedimenti adeguati.
Meglio evitare tutte le posizioni troppo “sbilanciate” che escludono dall’equazione ginocchia, gambe, glutei e braccia!

Fate affidamento su tutte quelle posizioni che, invece, vi permettono di vivere il rapporto in sicurezza.

Dopotutto, per quanto sia difficile accettarlo, una volta compiuti 30 anni bisogna iniziare a preoccuparsi di tutti gli aspetti “secondari” della vita.

Tra questi, quindi, c’è anche stare attenti a cosa si combina sotto le coperte.

Ora che sapete “come muovervi” non avete proprio scuse… a parte quella del mal di testa!