Chi è? Il sex symbol latino americano che ha cambiato il mondo (della musica)

È diventato famoso in America Latina, tutti credevano fosse messicano, ha cantato in Inglese ed è diventato il sex symbol latino americano per eccellenza, poi ha completamente sconvolto le sue fan.

Ricky Martin da piccolo vip da piccoli
(Instagram)

Nato nel 1971 in Puerto Rico (e non in Messico!) da una famiglia molto normale, questo bambino aveva un padre psicologo e una madre ragioniere che si separarono quando il figlio era piccolissimo. Ad appena due anni di vita questo futuro sex symbol si ritrovò con una famiglia divisa.

Crescendo colmò la mancanza di sicurezza familiare con l’amore per la musica e soprattutto con un enorme talento artistico che gli assicurarono l’entrata a soli 13 anni nella boy band Menudo. Da sostituto di un membro della band alla fine il cantante si ritrovò a diventare il più famoso e acclamato dei Menudo e la sua carriera continuò a gonfie vele anche dopo la fuoriuscita dalla band, avvenuta nel 1989.

In quell’anno, quindi appena diciottenne comincia la carriera da cantante solista che lo porterà ad essere una delle star della musica mondiale più acclamate del mondo e soprattutto.

Ricky Martin da piccolo vip da piccoli
(Instagram)

Il tipo di musica che cantava, la sua indiscutibile bellezza e anche la sua abilità di ballerino e di attore lo fecero diventare in pochissimo tempo un vero e proprio sex symbol latino americano, che grazie alla propria potenza mediatica e all’enorme successo delle sue canzoni, preparò la strada a quella che sarebbe stata definita come l’invasione latina della musica internazionale.

Da sex symbol latino americano a simbolo della lotta per la parità dei diritti

Ricky Martin da giovane
(Instagram)

Bellissimo, sensualissimo, dalla grande voce ma soprattutto dall’enorme carisma sul palcoscenico, questo ragazzo è stato uno degli uomini più desiderati dalle donne di tutto il mondo, soprattutto quando esplose nel mercato internazionale con la sua Maria, cantata nel suo caratteristico spanglish, cioè dalla tipica combinazione di inglese e spagnolo comunemente utilizzata dagli immigrati di lingua spagnola che vivono negli Stati Uniti.

Lo avete riconosciuto? Naturalmente stiamo parlando di Ricky Martin.

Il successo di Maria venne bissato e, se possibile reso ancora più grande, dal singolo successivo: Livin’ la Vida Loca.

Una curiosità: a interpretare la “donna fatale” che ballava sul cubo e che passeggiava sotto la pioggia insieme a lui venne chiamata la bellissima Nina Moric, che divenne famosissima all’epoca per il suo “movimento di anca” sul ritornello della canzone.

Dopo ave sfondato in lingua spagnola, Ricky Martin ebbe l’intuizione di imparare a cantare in inglese per diffondersi a macchia d’olio anche in mercati diversi rispetto a quello in lingua latino americana.

Fu la volta dell’indimenticabile She Bangs, che per il video si avvalse di effetti speciali che all’epoca erano all’avanguardia, ma che guardati a vent’anni di distanza non convincono ancora moltissimo.

Ancora una volta Ricky venne circondato da orde di donne sculettanti e seminude che lo toccavano in ogni punto del corpo ma già allora il cantante stava tenendo nascosta la sua omosessualità.

Solo dopo decenni di fulgida carriera Ricky Martin decise di prendere il coraggio a due mani e, sentendosi ormai inattaccabile, decise di fare coming out affermando la propria omosessualità e rivelando di fare coppia fissa con il compagno Carlos Gonzalez Abella: era il 2010 ma all’epoca Martin aveva già avuto due bambini da madre surrogata. Nel 2008 erano nati infatti Matteo e Valentino, i due amatissimi gemelli del cantante.

Gelosissimo della sua privacy, Martin fece trapelare poche notizie in merito alla fine della storia con Abella, ma nel 2016 annuncia di aver cominciato una relazione con Jwan Yosef, l’artista di origine siriana che nel 2019 è diventato suo marito. 

“Ci siamo incontrati su Instagram, lui è un artista. La prima volta abbiamo chiacchierato di arte e di altre cose. Giuro! Niente di piccante. Poi lui abitava a Londra e io sono andato lì per incontrarlo” ha spiegato Martin parlando del colpo di fulmine con Jwan.

Qualche tempo dopo i due hanno deciso di mettere su famiglia. “Ci siamo scambiati i voti, abbiamo giurato tutto quello che si poteva giurare e abbiamo firmato un mucchio di documenti per gli accordi prematrimonialiaveva dichiarato il cantante all’indomani delle nozze, annunciando però che la festa vera e propria sarebbe stata celebrata di lì a un paio di mesi. “Sarà una festa gigantesca” aveva promesso il cantante, consapevole che tutte le promesse poi sarebbero state mantenute.

La coppia Yosef – Martin però nel frattempo aveva già avuto due figli (sempre da madre surrogata): Lucia e Renn, l’ultimo maschietto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ricky Martin (@ricky_martin)

Non sa quanto Jwan sia entusiasta del progetto, ma Ricky Marin ha sempre dichiarato che ha intenzione di avere altri figli per coronare il sogno di avere una casa rumorosa e sempre piena di caos, esattamente com’era la sua quando era un bambino, dato che veniva da una famiglia numerosa.

Nel frattempo, il lettone di casa certe volte comincia a essere troppo affollato, come dimostra questo simpaticissimo selfie di Ricky, ma in caso di incubi non si può dire di no.

Vuoi continuare a giocare con Chedonna? Indovina gli altri personaggi famosi leggendo tutti gli articoli sui Vip da Piccoli!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ricky martin (@martinricky505)

In tutto questo ci si potrebbe domandare se Mr. Ricky Martin è diventato un uomo tutto casa e famiglia perdendo quella sensualità che lo ha reso famoso. La risposta è: assolutamente no!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ricky Martin (@ricky_martin)

Anche se nel corso dei decenni la popolarità di Ricky Martin è andata progressivamente calando, infatti, il cantante ha continuato a produrre dischi di successo e proporre musica sempre federe alla sua inconfondibile impronta pop – latina.

Da leggere