L’età della prima volta italiana ti stupirà: secondo la scienza è scritta nei geni

Qual è l’età della prima volta in Italia? Scopriamo insieme la media mondiale (e nazionale) grazie agli studi della scienza.

età della prima volta
(fonte: Canva)

A che età si fa l’amore per la prima volta?

Questa domanda, per quanto possa sembrare banale e scontata, “tormenta”, in realtà, molti giovani adulti ed adolescenti.

Per fortuna, come per quasi tutti gli aspetti della vita, c’è uno studio scientifico che ci spiega quando, come e perché succede.
Ecco qual è l’età media italiana.

L’età della prima volta in Italia è 20 anni: per la scienza è scritto nei nostri geni

età della prima volta
(fonte: Canva)

A stabilire quale sia l’età nella quale i giovani italiani fanno l’amore per la prima volta è stata Euromedia Research.
Lo studio, che risale al 2017, ha evidenziato dei dati piuttosto compatti.
In Italia, a quanto pare, la media del primo rapporto tra i ragazzi è compresa tra i 17 ed i 20 anni: quasi il 40% perde la verginità in questa finestra di tempo!

Seguono, a ruota, la fascia d’età tra i 20 ed i 25 anni, che si attesta con un buon 25% mentre, il 6,8% aspetterebbe di avere tra i 25 ed i 30 anni.
Insomma, numeriabbastanzaalti e che, di certo, confermano lo studio riportato in questo articolo, nel quale ti avevamo parlato dell’età media mondiale della prima volta.

Gli studiosi, infatti, starebbero individuando nella presenza di Internet e nell’uso (ed abuso) di funzioni (come Facebook Dating) ed app come Tinder il vero motivo dell’innalzamento dell’età della prima volta.
Certo, è vero che i rapporti “online” aiutano i giovani a “prendere tempo” e, spesso, rendono il tutto molto complicato.
D’altro canto, però, le relazioni nate online sono anche quelle più serie e durature: te ne abbiamo parlato qui!

Qual è, allora, il vero motivo che si nasconde dietro questa età così “alta”?
Ovviamente, oltre al fatto che nessuno dovrebbe provare a fare l’amore se non se la sente (e che il consenso, come ti abbiamo spiegato qui, è fondamentale), esiste anche un’altra teoria.
L’età della prima volta sarebbe iscritta… nei nostri geni!

Uno studio condotto presso l’Università di Cambridge, avrebbe dimostrato che i nostri geni sono responsabili di una parte delle nostre decisione intime.
Sono stati presi in considerazione 125mila inglesi, 240mila islandesi (in entrambi i casi equamente divisi tra uomini e donne) e 20mila americane.
I risultati di questa ricerca sono decisamente curiosi: a quanto pare, i nostri geni ereditari determinano per almeno 1/4 l’età della nostra prima volta.

Ci sono, certo, motivazioni sociali, storiche e geografiche che determinano il momento in cui ci lasciamo andare al primo rapporto intimo.
Queste, però, formano solo il 75% della nostra decisione!
Per continuare ad aggiungere numeri, poi, possiamo contare anche il numero di geni responsabili della nostra scelta.
Sarebbero 38 ed influenzerebbero, per la maggior parte, le nostre decisioni intime… imponendo loro di “sbrigarsi”!

Gli scienziati, infatti, hanno riscontrato questi geni per la maggior parte in persone che perdevano la verginità in età decisamente precoci.
Sono geni che hanno a che fare con il rilascio degli ormoni della pubertà (ovviamente) e di quelli sessuali ma anche con tante altre caratteristiche!
Impulsività, irritabilità, intelligenza: insomma, a quanto pare il nostro “destino” non lo forgiamo solo da noi ma è tutto scritto… nel nostro DNA.

Perdere la verginità è stato definito, per tanti anni, come qualcosa di estremamente importante.

Di certo ha una sua connotazione particolare ma, socialmente, spesso gli è stato attribuito un valore decisamente gonfiato, nel tentativo di discriminare, soprattutto e come al solito, le donne.

Adesso, però, sapere che il nostro destino anche intimo è iscritto nei nostri geni può aiutarci a “liberarci” dalle colpe e vivere finalmente in maniera più serena la sessualità.

età della prima volta
(fonte: Canva)

Come tutto quello che ha a che vedere con il corpo e l’intimità, con l’amore e con le relazioni, l’unico parametro veramente importante dovrebbe essere quello del rispetto.

Stabilito che l’età della nostra prima volta ce la “suggeriscono” bisbigliandoci nelle orecchie i nostri geni, possiamo finalmente occuparci di altro.
Ad esempio come fare per renderlapiacevole!

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti