Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni a Draghi: “Investire sul riscatto delle donne”

Giorgia Meloni, al Senato in occasione del premio “Eccellenza Donna”, espone alcune proposte per incentivare il riscatto sociale, economico e politico delle donne.

Giorgia Meloni in Senato per il riscatto sociale delle donne (Getty Images)
Giorgia Meloni in Senato per il riscatto sociale delle donne (Getty Images)

Giorgia Meloni resta all’opposizione e al Governo Draghi, che critica non in base alle competenze (mai messe in dubbio) del Premier incaricato, ma per la composizione della nuova maggioranza, chiede maggiori tutele per le donne. L’occasione è la Giornata Internazionale della Donna: 8 marzo che segna, più di ogni altro anno, la consapevolezza di quanto le donne siano state lasciate sole, per certi versi anche spiazzate, nel corso di questa emergenza sanitaria. La lotta al COVID-19 è stata usurante soprattutto in termini economici e sociali.

La leader di Fratelli d’Italia, in questo giorno particolarmente importante, rivendica al Senato maggior attenzione per le donne nel corso del premio “Eccellenza Donna”: “Chiediamo che i fondi vengano usati per incentivare l’occupazione femminile, abbiamo chiesto un investimento sulla famiglia e sulla natalità, attraverso strumenti di conciliazione e lavoro. L’obiettivo è un Welfare a misura di famiglia, abbiamo molte proposte. Il Governo sembra non occuparsene, malgrado le donne stiano pagando il prezzo più alto della pandemia in termini familiari, economici e di occupazione”. Non arretra Giorgia Meloni.

Giorgia Meloni: “Le donne pagano il prezzo più alto in questa pandemia”

Giorgia Meloni pungola il Governo Draghi sulla parità di genere (Instagram)
Giorgia Meloni pungola il Governo Draghi sulla parità di genere (Instagram)

Avanza le priorità che, secondo FDI, dovrebbero essere all’ordine del giorno non solo l’8 marzo: attenzione alla parità di genere e al riscatto economico e sociale delle donne a prescindere dalle ricorrenze. Auspicio condiviso, ma le frizioni – almeno con l’attuale maggioranza, proseguono sull’utilizzo dei fondi del Recovery Plan. Ricalibrare alcuni aspetti, questo alla base dell’opposizione patriottica – così l’ha definita – messa in atto dalla Meloni. Significa sostegno all’Esecutivo di Draghi soltanto per quei provvedimenti che si riveleranno effettivamente necessari per il bene del Paese.

Su tutto il resto sarà battaglia. Non a caso Fratelli d’Italia ha mostrato sin da subito un’inversione di tendenza rispetto alle altre forze sovraniste, per puntellare quegli aspetti ineccepibili e contingenti che segnano una netta linea di demarcazione fra possibile – per la Destra – e auspicabile.

Il senso di responsabilità di pari passo a quello del dovere: Giorgia Meloni sembra avere le idee chiare sui prossimi passi da compiere, con buona pace dei colleghi Salvini e Berlusconi che appoggiano – seppur con qualche riserva – la nuova maggioranza. Scelta dettata, a quanto pare, non solo dalle esigenze di sistema.