Echinacea: proprietà, benefici e controindicazioni

L’echinacea è un alimento ricco di proprietà benefiche. Scopriamo insieme quali sono le più importanti.

echinacea
fonte foto: Adobe Stock

Nel novero delle piante officinali, l’echinacea si ritaglia uno spazio di tutto rispetto. Conosciuta da tempo immemore, oggi apprezzata negli infusi e tisane, questa pianta erbacea ha un sacco di proprietà e viene utilizzata da sempre per preparare rimedi naturali efficaci.
Vediamo insieme quali sono le caratteristiche e le proprietà di quest’erma preziosa e versatile.

Tutto sull’echinacea: proprietà, controindicazioni e curiosità

echinacea
fonte foto: Pixabay

L’echinacea (Echinacea purpurea ed Echinacea angustifolia), appartiene alla specie delle Asteracee ed è una pianta erbacea perenne originaria del Nord America. Il nome deriva dal latino “echinos”, che significa “riccio”, nome richiamato dalle sommità fiorite piene di piccoli spuntoni che rendono i fori simili a ricci. Fioriscono tra Giugno ed Agosto.

Il popolo degli Amerindi si serviva dell’echinacea per curare ferite, morsi di serpenti e piaghe della pelle.
Oggi l’echinacea è usata in fitofarmacia, come prodotto singolo o come base per molti rimedi. Questo grazie alle sue molteplici proprietà:

  • Antivirali
  • Antibatteriche
  • Immunostimolanti
  • Antiossidanti
  • Antibatteriche
  • Cicatrizzanti
  • Antifungine

Pare che l’assunzione di echinacea riduca del 60-65% il rischio di contrarre malattie invernali o sindromi influenzali. Molto più alta la percentuale se associata alla vitamina C.
Ovviamente perché ciò accada bisogna cominciare ad assumerla almeno tre o quattro mesi prima dell’inizio della stagione invernale.

echinacea
fonte foto: Adobe Stock

L’echinacea, grazie alle sue proprietà, aiuta a sfiammare le vie respiratorie, e combatte tosse e bronchite. Molto utilizzata per creare lozioni e pomate per risolvere i problemi della pelle, l’echinacea denota, come già detto, una forte componente cicatrizzante ed antiinfiammatoria.

Ricca di acidi grassi, polisaccaridi, alcaloidi, l’echinacea in fitoterapia vine utilizzata soprattutto a partire dalla radice.

Echinacea: scopriamone di più

echinacea farfallla
fonte foto: Pixabay

I popoli nativi americani la ritenevano una pianta sacra per e sue proprietà benefiche, soprattutto conto i morsi dei serpenti. La pianta contiene molte sostanze in grado di combattere diversi malanni e stimolare il sistema immunitario:

  • Acido caffeico
  • Acido clorogenico
  • Polisaccaridi
  • Oli essenziali
  • Acido cicorico
  • Glicoproteine
  • Polifenoli
  • Echinacosidi
  • Flavonoidi
  • Echinaceina

L’echinacea aiuta, in oltre a combattere stati influenzali o malesseri come mal di testa, di denti, di stomaco.
In commercio si possono trovare molti prodotti a base di echinacea, ad esempio:

  • tinture
  • succhi
  • pomate
  • oli essenziali
  • capsule
  • collirio
  • tisane

L’echinacea svolge anche una funzione simile al cortisone, in modo totalmente naturale grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.

Controindicazioni
L’echinacea pare non presentare controindicazioni particolari o effetti collaterali degni di rilievo. Tuttavia è importante considerare la sua azione immunostimolante. Ciò rende l’echinacea controindicata a tutti coloro che si sottopongono ad una terapia immunosoppressiva (trapianti o malattie autoimmuni).

Ovviamente se e sconsiglia l’utilizzo a coloro che sono direttamente allergici o intolleranti alla pianta o la sua famiglia. Viene sconsigliata l’assunzione di echinacea in gravidanza, durante l’allattamento e nei bambini con meno di un anno di età. Pare che alcune specie di echinacea contengano composti tossici per il fegato.
In ogni caso consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante per ogni eventuale problema o dubbio in merito.

Come assumere l’echinacea

echinacea
fonte foto: Adobe stock

Il modo principale per assumere l’echinacea è sotto forma di infuso. In realtà si può utilizzare anche per rinfrescanti bevande estive. Il suo gusto agro/dolce, la rende idonea anche per la preparazione di succhi, per i gelati e per essere accostata ad altri ingredienti nella preparazione di cocktail.

Si tratta insomma di un alimento che è sempre bene inserire nella propria alimentazione in modo da poter godere delle sue innumerevoli proprietà.