Scopriamo insieme l’olfattofilia: ecco come puoi aumentare l’eccitazione con gli odori

Hai mai sentito parlare dell’olfattofilia? Ecco di che cosa stiamo parlando quando mettiamo insieme eccitazione e profumo!

olfattofilia
(fonte: Canva)

Se non ne hai mai sentito parlare, sappi che potresti star per conoscere una nuova ed entusiasmante arma di seduzione.

Certo, lo sappiamo tutti che gli odori (ma soprattutto il profumo) giocano un ruolo chiave quando parliamo di intimità.

Esistono alcune persone, però, che proprio non sanno resistere quando si trovano ad annusare una determinata fragranza.
Ecco di che cosa stiamo parlando.

Olfattofilia: ecco come gli odori aumentano l’eccitazione

olfattofilia
(fonte: Canva)

Anche l’occhio vuole la sua parte: quante volte hai sentito ripetere questa frase?
Bene, da oggi puoi rispondere sottolineando che non solo l’occhio ma anche il naso ha decisamente voce in capitolo quando si parla di attrazione!

Di certo non sarà una sorpresa scoprire che gli odori (ed il profumo) rappresentano una parte importante dell’attrazione intima tra due persone.
Una delle regole base per avere un buon rapporto intimo è che entrambi siate non solo puliti ma anche profumati!
(Certo, di regole i rapporti intimi sembrano essere pieni: sapevi quali sono tutti gli step da compiere dopo aver fatto l’amore?).

Quella che sembra essere una regola igienica e di semplice buona educazione, però, viene messa in crisi dal concetto di “olfattofilia“.
Ma di cosa stiamo parlando quando usiamo questa parola?
Come riporta GQItalia, l’olfattofilia è una di quelle condizioni che possono scadere nella parafilia ma che può trattarsi anche di un’innocua preferenza.
La parafilia, secondo Wikipedia, è un impulso sessuale decisamente forte che porta il soggetto che lo prova a mettersi in una condizione scomoda.

Non si tratta di quel flusso di eccitazione e “voglia” continuo che sentiamo nei primi mesi di una relazione (il responsabile è l’ormone dell’amore, di cui vi abbiamo parlato qui).
No, una parafilia è qualcosa di più serio ed anche difficile da gestire: spesso, chi la prova, non riesce a controllare i suoi impulsi e finisce per mortificarsi.
L’olfattofilia, quindi, può rientrare in questo spettro quando diventa decisamente troppo forte ma, molto spesso, si tratta di una innocua preferenza che non sfruttiamo abbastanza.

Quando parliamo di olfattofilia, infatti, vogliamo descrivere la condizione di tutte quelle persone che si eccitano… con gli odori!
Attenzione, sarebbe troppo facile riconoscere che un buon odore di pulito e profumato, così come il profumo che emana la pelle del partner è un ottimo eccitante.
Certo, l’olfattofilia comprende anche queste sensazioni ma chi è un vero e proprio “olfattivo” fa un ulteriore passo in avanti.

Ci sono diversi nomi per indicare diverse “preferenze“.
C’è chi si eccita annusando i fiori, chi sentendo l’odore delle ascelle o chi, addirittura, reagisce a qualsiasi odore forte con un solo desiderio: fare l’amore!
Insomma, le possibilità sono infinite ma, spesso, poco esplorate.
Non sarà di certo una novità scoprire che nel corpo umano sono nascosti i cosiddetti “ferormoni“.
Si tratta di minuscole particelle che amplificano il nostro odore e che si attivano particolarmente quando siamo sessualmente soddisfatti.

I ferormoni non sono, però, legati solo ad odoripositivi“, come l’odore di pulito oppure quello dei capelli del nostro partner.
Queste particelle “svelano” il nostro vero odore, quello che è inconfondibile e legato solo a noi.
Nel mondo animale i ferormoni la giocano ancora da padroni quando si tratta di cercare un compagno.
Noi, invece, ci siamo fatti condizionare da secoli di storia e di costume: indossiamo profumi costosi, ci laviamo spessissimo (per fortuna!) e, di certo, non ci metteremmo mai ad annusare un futuro partner!
(Anche se ci sono almeno altri cinque errori da non fare al primo appuntamento: ve li abbiamo svelati qui.)

Insomma, come società ci siamo decisamente allontanati dal concetto che l’odore, in tutte le sue sfumature, possa in qualche modo dirigere i nostri incontri intimi.
La realtà, però, è che le persone che si eccitano grazie ad un profumo particolare sono tantissime!
L’olfattofilia non è così “strana” o rara come potremmo pensare.
Dopotutto, in ogni rapporto intimo, l’importante è che ci sia mutuo rispetto e consenso (qui ti abbiamo spiegato come ottenerlo e perché è importante).

Se tra di voi i rapporti sotto le coperte iniziano a non funzionare più, quindi, potete benissimo provare a fare un tentativo cercando di scoprire quali sono gli odori che vi fanno veramente andare su di giri!
Come ti abbiamo detto sopra, non si tratta solo di raccogliere mazzi di fiori oppure di mettere in forno una torta.

L’olfattofilia scopre le nostre pulsioni più segrete, facendoci eccitare con odori ai quali, normalmente, abbiniamo una sensazione decisamente poco sensuale!
Provare a scoprire insieme quali sono le fragranze che vi eccitano potrebbe essere un buon modo per ritrovare l’intesa.

Altrimenti, se volete movimentare la situazione sotto le coperte potreste provare a fare un ultimo tentativo veramente poco convenzionale: avete mai pensato di provare l’astinenza?

olfattofilia
(fonte: Pexels)

In ogni caso, sapere che esistono degli odori che potrebbero risvegliare l’interesse tuo o del tuo partner può aiutarti a vivere il rapporto intimo con più “leggerezza”.

Adesso, ogni volta che sentirete l’odore “giusto” potrete lasciarvi andare ad un momento di passione.

Niente male, no?