Governo Draghi, verso il voto di fiducia. Meloni dice no. Ecco perché

E’ attesa per il voto di fiducia al governo Draghi, prima al Senato e poi alla Camera. Giorgia Meloni: “Nella mia relazione proporrò che Fratelli d’Italia voti contro la fiducia al nuovo esecutivo”

Giorgia Meloni
(Getty Images)

La crisi di governo, aperta con le dimissioni dei ministri di Italia Viva, si è conclusa. Il nuovo esecutivo è pronto. Sono 23 i ministri, di cui 15 uomini e 8 donne. Alla fine si è deciso per un ‘mix’ di tecnici e politici. Nella formazione di Mario Draghi ci sono volti noti, questo sì, ma anche alcune riconferme che fanno già discutere. E’ il caso di Roberto Speranza, Luciana Lamorgese e Luigi Di Maio.

Mercoledì 17 febbraio, alle 10, Draghi inizierà il suo percorso in Parlamento. Al Senato terrà il discorso programmatico, con durata di circa 90 minuti. Poi passerà alla Camera per consegnare copia del discorso. Infine, tornerà a palazzo Madama per la votazione. Giovedì, invece, si voterà alla Camera. Stando alle previsioni, il premier dovrebbe riuscire a strappare un largo consenso.

I no al nuovo governo difficilmente supereranno quota 50 al Senato e quota 30 alla Camera. Voterà contro la fiducia Fratelli d’Italia. Giorgia Meloni ha spiegato le ragioni della scelta. Ecco quali sono.

Meloni contraria al governo Draghi. Ecco perché

Giorgia Meloni
(Getty Images)

La Meloni conferma il suo no a Draghi. Non è un no allo stimato economista ma alla squadra formata. Fratelli d’Italia, fin dall’inizio, aveva chiarito che sarebbe restata all’opposizione, non appoggiando l’idea di un governo nato su larghissime intese. Il partito di centrodestra vedeva soltanto nelle elezioni la via maestra per risolvere la crisi di governo. Ma così non è stato. Complice l’emergenza sanitaria, si è preferito fare in un altro modo, soprattutto per avere un esecutivo pronto a lavorare da subito.

“Fratelli d’Italia ha chiarito, fin dall’inizio, che non avrebbe votato la fiducia al Governo Draghi. Allo stesso tempo – ha scritto la Meloni su Facebook – ci siamo riservati di vedere in particolare come fosse composto il “Governo dei migliori”, per scegliere tra voto di astensione e voto contrario. Per questo abbiamo convocato la direzione nazionale di Fratelli d’Italia. Ecco, annuncio che nella mia relazione proporrò che Fratelli d’Italia voti contro la fiducia al nuovo esecutivo“.

Considerata la posizione, come si muoverà in futuro Fratelli d’Italia? Secondo la Meloni, si deciderà di volta in volta. “Continueremo ovviamente a valutare i singoli provvedimenti, e li voteremo se saranno buoni, così come continueremo a fare le nostre proposte per il bene dell’Italia. Ma un altro Governo in mano al PD non può che avere un NO da Fratelli d’Italia”.

Giorgia Meloni
(Getty Images)

La presidente del partito dei Conservatori e Riformisti europei rivolge poi un appello. “Spero che altri come noi scelgano di non concedere la fiducia a questo governo. FdI sarà in Parlamento punto di riferimento di quanti vorranno con noi svolgere una opposizione patriottica”.