Ciambelline di Carnevale alle patate: la ricetta con trucchi e consigli

Le ciambelline di Carnevale alle patate sono uno dei grandi classici di questo periodo: scopriamo la ricetta con trucchi e consigli.

ciambelline carnevale
Foto da Canva

Le ciambelline di Carnevale sono uno dei dolci tipici di questo periodo perfette per festeggiare la festa più pazza dell’anno, ma non solo, questi deliziosi dolcetti sono ottimi anche per una colazione golosa e calorica o per un’allegra merenda con i vostri bambini.

Le ciambelline alle patate sono squisite se preparate fritte e poi ripassate nello zucchero semolato. Se invece preferite una cucina più sana e light potrete anche farle al forno, il risultato sarà ovviamente un po’ diverso. Scopriamo la ricetta con qualche trucco e consiglio da seguire.

Ecco la ricetta delle ciambelline di Carnevale con le patate

ciambelline carnevale
Adobestock photo

Martedì grasso è alle porte quale migliore occasione per preparare le ciambelline alle patate? Una ricetta tipica di Carnevale ma che possiamo tranquillamente preparare anche in altri periodi dell’anno.

Le ciambelline alle patate sono un dolce sfizioso e sofficissimo che metterà tutti d’accordo. Di questo dolcetto carnevalesco esistono tante versioni e ricette. Da quelle con le patate a quelle senza. Fritte o al forno, con o senza cannella. Noi le proponiamo nella versione con le patate e aromatizzate con una spolverata di cannella alla fine. 

Inoltre potrete sia farle fritte in olio di semi, che cuocerle al forno ma sappiate che il risultato sarà differente. Vediamo allora la ricetta.

Ingredienti

  • 500 g di farina 0 o Manitoba
  • 500 g patate lesse
  • 25 g lievito di birra
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • 1 cucchiaio di zucchero vanigliato
  • 2 cucchiai di olio evo
  • olio di semi di girasole, per friggere
  • 25 ml latte

Per guarnire

  • zucchero semolato q.b.
  • cannella q.b.

Preparazione

Iniziamo lavando le patate e facendole bollire con la buccia per circa 20-25 minuti. Sentiamo di tanto in tanto se sono cotte con una forchetta. Se affonda significa che possiamo toglierle altrimenti proseguiamo la cottura.

Una volta cotte sbucciamole anche se sono bollenti con questo trucco e lasciamole quindi intiepidire e poi, prima che diventino fredde, passiamole con lo schiacciapatate. Un trucco è quello di non usare il mixer altrimenti diventeranno collose. Se non abbiamo lo schiacciapatate meglio usare una forchetta.

ciambelline patate
Foto: Adobe Stock

Intanto stemperiamo il lievito di birra con il latte dentro a un pentolino. A fiamma dolce lo portiamo a circa 37° C. Importante, se non abbiamo il termometro da cucina, che il latte sia tiepido e non troppo caldo così da non uccidere il lievito.

Se abbiamo un robot da cucina come il Bimby o una planetaria impastiamo con lo strumento elettrico. Mettiamo quindi nel boccale o nel recipiente della planetaria la farina, e poi aggiungiamo le uova, lo zucchero, sia semolato che vanigliato, il lievito sciolto con il latte e l’olio evo. Mescoliamo. Se facciamo l’impasto a mano procediamo impastando allo stesso modo. Come ultimo ingrediente uniamo le patate e impastiamo per almeno altri 10 minuti.

L‘impasto risulterà piuttosto appiccicoso, ma è normale. A questo punto lasciamolo lievitare in un recipiente che avremo prima leggermente unto con l’olio per circa 2 ore o finché il suo volume non sarà raddoppiato. 

Una volta raggiunta la giusta lievitazione in un piano di lavoro infarinato iniziamo a formare le ciambelline. Con queste quantità di ingredienti dovranno venire circa 30 pezzi.

Un trucco per farle facilmente è dividere l’impasto in palline e poi usando l’indice infarinato fare un buco al centro della pallina allargando e roteando il dito fino a che non si sarà formata la ciambella.

Mettiamole quindi a lievitare per un’altra ora, ricoprendole con un canovaccio e stando attente a eventuali correnti d’aria, nemiche acerrime dei lievitati.

Se decidiamo di farle fritte prendiamo una pentola dai bordi alti riempiamola con un’abbondante quantità di olio di semi e quando raggiunge la temperatura di 170°C inseriamone poche alla volta. Lasciamole friggere da entrambi i lati quindi scoliamole su carta assorbente così da eliminare l’olio in più.

Se invece preferite la cottura al forno basterà metterle in una teglia ben distanziare le une dalle altre e cuocerle in forno statico a 180° C per circa 15 minuti e finché non avranno raggiunto una bella doratura.

A questo punto spolverizziamo con zucchero semolato ed eventualmente con cannella. Serviamo.

Scopri anche le chiacchiere di Iginio Massari, un’altra delizia di Carnevale.