Covid-19: parte da Milano la sperimentazione del vaccino anche per i bambini

Parte dall’Ospedale Buzzi di Milano la sperimentazione del vaccino anti Covid-19 anche per bambini e ragazzi finora fuori dal piano vaccinale. 

vaccino Covid-19 bambini
Adobe Stock

Un vaccino contro il Covid-19 dell’azienda Janssen, del gruppo Johnson & Johnson, sarà sperimentato su bambini e ragazzi finora esclusi dal piano vaccinale in diversi centri internazionali.

In Italia la sperimentazione partirà dall’Ospedale dei bambini Vittore Buzzi di Milano, a confermarlo all’Ansa, si legge su Skytg24, è il primario di pediatria Gianvincenzo Zuccotti. E sembra che il tutto dovrebbe partire tra un paio di mesi.

Lo studio prevede la somministrazione ai bambini a partire dai 2 mesi fino ai ragazzi di 18 anni. Ma il Buzzi si è reso disponibile a testare i vaccini sui bambini dall’anno in su. Scopriamo di più.

In arrivo la sperimentazione del vaccino anti Covid-19 sui bambini

vaccino anti covid-19 bambini
Foto da Canva

Partirà dall’Ospedale Buzzi di Milano la sperimentazione del vaccino sulla fascia più giovane della popolazione ovvero quella di bambini e ragazzi. E se l’arruolamento è previsto a partire dai neonati di 2 mesi in su al Buzzi si testerà il vaccino solo a partire dall’anno di età. 

“È importante salvaguardare il primo anno, dove i bambini già ricevono parecchi vaccini – afferma Zuccotti, come si legge su Skytg24 –. Se ci sarà una buona campagna vaccinale in generale, credo che sarà sufficiente iniziare a vaccinare i bambini da un anno di vita”.

E se finora i bambini erano rimasti fuori dal piano vaccinale perché secondo gli studi si ammalano meno degli adulti e comunque in forma meno grave, Zuccotti spiega su Repubblica che “i bambini possono agire da vettori del virus, anche da asintomatici, il problema grosso lo conosciamo tutti anche chi non ha sintomi contagia gli altri”. Ecco perché è importante vaccinare anche i più piccoli.

Non considerando che in questo periodo stanno aumentando molto i contagi fra i più piccoli, secondo gli ultimi dati forniti dall’Associazione italiana di epidemiologia, in particolare in Italia Centrale. 

Questa fascia della popolazione non era stata inserita nel piano, quindi, ma ora qualcosa sta cambiando infatti Pfizer e Moderna hanno avviato degli studi clinici sui pazienti più piccoli.

(Getty Images)

In ogni caso la sperimentazione arriverà da quello dell’azienda Janssen che entro il mese di marzo dovrebbe ricevere l’approvazione del nuovo vaccino anche dall’Ema, l’Agenzia europea del farmaco.

(Fonti: tg24.sky.it, Repubblica.it)