Come far mangiare i bambini selettivi: ecco i trucchi che funzionano

Far mangiare bambini selettivi può essere molto complicato: ecco come riuscirci grazie a questi trucchi che funzionano. 

bambini disappetenti
Foto da Canva

Una delle più grandi preoccupazioni dei genitori è l’alimentazione dei propri figli. Quando il bambino non mangia abbastanza o non vuole saperne di alcuni alimenti nella mente di mamma e papà si scatenano tutta una serie domande che destano non pochi grattacapi.

Molti genitori di bambini selettivi si chiedono infatti se il proprio figlio crescerà abbastanza e se verrà su sano anche se non si nutre in maniera adeguata. Su 10 bambini, 3 sono affetti da selettività alimentare, nell’età tra i 2 e i 4 anni.

Come fare allora per aiutare i bambini a mangiare di tutto e di conseguenza a farli essere meno selettivi? Ecco alcuni trucchi suggeriti dall’Ospedale Bambino Gesù.

Ecco i trucchi per far mangiare i bambini selettivi

bambini selettivi
Foto da Canva

Quando arriva l’ora di pranzo o cena in molte famiglia si scatena il finimondo. Questo è dovuto al fatto che il bambino fa i capricci a tavola. Rifiuta a piè pari alcuni cibi come verdure, carne o pesce, e vuole mangiare sempre le stesse cose senza la benché minima intenzione di assaggiare nuovi alimenti.

Tutto questo può portare a lungo andare a problemi di anoressia o obesità ecco perché è bene intervenire subito in modo da educare i bambini ad alimentarsi correttamente guidandoli in questa importante fase della loro crescita.

L’Ospedale Bambino Gesù a tal proposito fornisce alcuni trucchi per aiutare i genitori di figli selettivi a mangiare meglio. Scopriamo quali sono. 

1) Tutta la famiglia deve mangiare allo stesso modo. Se il bambino vede la mamma e il papà mangiare quei cibi per imitazione sarà più portato a farlo anche lui. Al contrario se noi mangiamo qualcosa di gustoso e offriamo al piccolo la solita minestra questo non lo incentiverà a mangiare diversamente.

2) Riproporre un cibo anche se non gradito in maniera diversa. Se un determinato alimento non è piaciuto al nostro bambino proviamo a riproporlo preparandolo in un altro modo. Il suo consumo ripetuto lo educa a quel sapore. Se un bambino non vuole un tipo di verdura ma la vedrà spesso a tavola magari proposta in ricette differenti alla fine sarà stimolato ad assaggiarla.

3) Proporre cibi nuovi al bambino. L’alimentazione deve essere varia per questo dovremo proporre nuovi alimenti al bambino anche se sappiamo che gradisce sempre le stesse cose. Se proponiamo solo i cibi dove andiamo sul sicuro non lo educhiamo ai nuovi sapori.

4) Non costringere il bambino ad assaggiare per forza un cibo. Può essere un atteggiamento controproducente. Infatti, insistere porterà il piccolo a nutrire ancora più avversità verso quell’alimento. Il premio finale può essere invece pericoloso perché porta il bambino a sovralimentarsi pur di ottenere poi il dolcetto promesso.

5) Spegnere la tv. La televisione può rappresentare una distrazione e secondo uno studio dell’Ospedale Bambino Gesù è emerso che il 38% dei bambini da 1 a 3 anni mangia davanti alla televisione. Mentre il 25% non mangia insieme alla mamma e al papà. Secondo gli esperti queste cattive abitudini favoriscono la selettività e l’avversità verso i cibi nuovi. Ecco perché è bene all’ora di pranzo o cena condividere tutti insieme la convivialità senza distrazioni.

6) Rispettare gli orari e mangiare tutti insieme. L’orario del pasto è quello, in quel momento quindi via giochi e via tv, si mangia e basta. Inoltre, è importante che tutta la famiglia si sieda allo stesso tavolo e consumi i pasti insieme.

7) Portare il bambino a fare la spesa. In tempi normali, e naturalmente non ora che c’è la pandemia da Covid-19. Questo lo aiuterà a conoscere gli alimenti, anche quelli nuovi e sarà incuriosito da colori e odori. Si può rivelare un gioco divertente.

bambini selettivi
Foto da Canva

8) Coinvolgere il bambino in cucina. Anche in questo caso è importante far avvicinare il bambino in cucina. Avevamo visto quanto può essere utile imparare la matematica cucinando. Non solo, cucinando i bambini sviluppano tutti i sensi, dall’olfatto al tatto alla vista. Aiutandoci in cucina poi sarà molto più invogliato ad assaggiare i cibi che lui stesso ha preparato.