Dati Eurostat: Sicilia e Campania sono le regioni europee più povere

Dagli ultimi dati Eurostat 2019 emerge che la Sicilia e la Campania sono le regioni europee più povere. La situazione fotografata si riferisce al periodo pre Covid. Con la pandemia i numeri potrebbero essere persino peggiorati

povertà
(Getty Images)

La pandemia tiene ancora sotto scacco l’Italia. Divieti e restrizioni ancora in vigore fino al 5 marzo (poi chissà) hanno effetti negativi sull’economia del Paese. Interi settori sono al collasso. Piange lacrime di sangue il turismo, che vale il 12% del Pil nazionale. Le città d’arte non registrano presenze dall’estero ormai da un anno. Il caso più emblematico è quello di Venezia, dove alcuni imprenditori del centro storico hanno gettato la spugna cedendo le loro attività.

L’incertezza generale sui tempi per la ripartenza impedisce alle categorie commerciali e produttive di pianificare iniziative di rilancio economico. Un’inversione di rotta potrebbe arrivare con l’esecutivo guidato da Mario Draghi. Oggi inizia il secondo giro di consultazioni. Entro il venerdì i nuovi ministri potrebbero già giurare. Intanto la fotografia scattata all’Italia dall’Eurostat è preoccupante. Due regioni italiane risultano essere le più povere a livello europeo. Ecco quali sono.

Le regioni europee più povere? Sono Sicilia e Campania

povertà
(Getty Images)

Le regioni europee più povere sono la Sicilia e la Campania. Lo dice l’Eurostat, sulla base dei dati raccolti e riferibili al 2019, ovvero al periodo pre-Covid. In un anno di pandemia, la situazione potrebbe essere persino peggiorata. A livello nazionale il rischio povertà ed esclusione sociale è sceso dal 30% del 2016 al 27,3% del 2018 al 25,6% del 2019.

Le due regioni italiane hanno, in assoluto, il tasso di rischio povertà più alto nel circuito Ue. Le persone che hanno un reddito disponibile inferiore al 50% di quello medio nazionale sono, in Sicilia, il 41,4% della popolazione (era il 40,7% nel 2018) e, in Campania, il 41,2%, percentuale in calo rispetto al 2018. Si tratta di un triste record. Nell’Unione europea, infatti, la media per il rischio di povertà ed esclusione sociale è del 21,4%.

Per le donne, il rischio povertà è più alto che per gli uomini, con il 26,6% nel 2019 (in calo dal 28,4% del 2018) a fronte del 24,5% per gli uomini (dal 26,1% del 2018). Le cose non vanno meglio per i giovani. Per loro, in Sicilia e Campania, la percentuale di rischio povertà ed esclusione sociale s’attesta al 27,7%, contro la media italiana del 25,6%. Nella fascia 20-29 anni la percentuale di rischio, pur riducendosi dal 34%,7 al 30,8%, resta sensibilmente più alta della media.

povertà
(Getty Images)

Con il Covid le disparità sociali sono aumentate. Soffre anche il ceto medio. E’ cresciuto sensibilmente il numero dei ‘nuovi poveri’, ovvero donne e uomini che mai si erano rivolti ad una mensa solidale per avere un pasto caldo o un pacco alimentare.