Covid, nuovo studio. Inutile igienizzare tutto. Bisogna aprire le finestre

Covid, nuovo studio su Nature. E’ inutile igienizzare tutto. Per prevenire il contagio è importante il ricambio d’aria negli ambienti al chiuso

igienizzare
(Adobe Stock)

In un anno di pandemia da Covid abbiamo imparato ad igienizzare ogni superficie, anche con prodotti naturali. Gli esperti ci hanno dispensato consigli utili per tenere lontano il virus. Le tre regole d’oro anti-contagio sono il distanziamento fisico, l’uso della mascherine e l’igiene costante e accurata delle mani. Per quanto riguarda la mascherina, poi, è importante farne un uso corretto.

Lo stile di vita è molto cambiato. Dietro ad ogni azione da compiere c’è la paura del contagio. Si puliscono, talvolta ossessivamente, tutte le superfici. Ma siamo sicuri che sia la cosa più giusta da fare? Secondo un recente studio, pulire tutte le superfici non serve ad allontanare lo spettro del Sars-CoV-2. E’ un’altra la misura più efficace da mettere in campo. Ecco di cosa si tratta.

Covid, nuovo studio. E’ utile favorire il ricambio d’aria

finestre
(Getty Images)

Covid, c’è un nuovo studio su Nature. Cambia tutto. Non serve igienizzare ogni cosa, a volte persino la spesa, per prevenire il contagio. C’è un’altra regola, spesso sottovalutata, da applicare nella vita quotidiana e che consiste nel cambiare con elevata frequenza l’aria. Per i ricercatori, c’è troppa attenzione per le superfici ma, catturare il virus da esse, è piuttosto raro. E’ molto più importante, invece, far arieggiare spesso gli ambienti.

I contagi da Covid-19 calano nei mesi estivi. E’ un dato di fatto. Poi, però, aumentano con la stagione invernale, perché le persone stanno nella stragrande maggioranza del loro tempo in luoghi al chiuso, con scarsa areazione, complici le rigide temperature. E’ fondamentale, quindi, favorire sempre il ricambio d’aria, poiché è consolidato ormai che il Sars-COV-2 si trasmetta principalmente per via aerea, rimanendo a lungo in sospensione.

Mantenere le distanze e indossare la mascherina restano armi efficaci di prevenzione, così come pure igienizzare la mani quando serve. Ma è importante anche garantire un’aria salubre nei locali, dalle abitazioni private agli uffici, passando per altri luoghi di aggregazione.

Per gli scienziati è improbabile che su oggetti e superfici ci sia la quantità necessaria di Coronavirus per infettare una persona. Nell’aria, invece, il pericolo è maggiore, perché la diffusione per mezzo di aerosol è continua e incontrollabile.

Mascherina
(Pixabay)

Per tutti questi motivi è importante, negli ambienti al chiuso, tenere spesso aperte le finestre, anche d’inverno. Per migliorare la qualità dell’aria bastano 5-10 minuti. E’ consigliabile farlo soprattutto nei locali in cui passano o stazionano più persone.