Come fare il bagnetto ad un neonato? Tutti i consigli e i segreti dell’Ostetrica

Tutti i consigli ed i segreti dell’Ostetrica, per fare il bagnetto ad un neonato in piena sicurezza per la sua pelle così delicata. 

Neonato e mamma primo piano
Pixababay

Avere un bambino è senza dubbio un’esperienza unica e meravigliosa ma anche capace di mettere mamma e papà a dura prova, soprattutto se alle prime armi. Il bagnetto è un gesto quotidiano che ci aiuta a rilassare il bambino e a rinfrescarlo e deve essere vissuto come una coccola, un momento di tenerezza e cura che si ha nei confronti dell’essere che amiamo di più al mondo.

Scegliere i prodotti giusti, è senza dubbio il modo migliore di approcciarsi al bagnetto del neonato. Rispettare l’epidermide così delicata del neonato è fondamentale per non incorrere in fastidiose irritazioni o peggio infezioni. Seguiamo tutti i consigli dell’esperta su come organizzare il momento del bagnetto e quali prodotti utilizzare. Scopri le sei regole d’oro per far dormire il neonato tutta la notte. 

Il bagnetto del neonato: come organizzarlo al meglio

neonato primo piano
Pixabay

Il miglior luogo dove organizzare l’angolo per il bagnetto ed il cambio del neonato è senza dubbio il bagno di casa, questo perché prima di tutto si può pulire più facilmente ogni giorno e anche perché essendo un ambiente più piccolo rispetto al resto delle stanze di casa, può essere facilmente riscaldabile.

La vaschetta può essere quella contenuta nel mobile fasciatoio oppure quella posizionabile nella vasca da bagno, anche se la maggior parte dei genitori, con neonato piccolissimi preferisce utilizzare il lavandino, se abbastanza grande.

Il primo bagnetto può essere fatto, appena dopo la caduta del moncone ombelicale, e sarà molto piacevole per il bambino che ritroverà in un certo senso, l’ambiente che ha vissuto per nove mesi nel grembo materno. Il consiglio dell’Ostetrica è quello di regolare la temperatura della vaschetta a circa 37 gradi e per essere sicuri che sia quella giusta si potrà utilizzare un termometro galleggiante.

Il secondo consiglio, sarà quello di preparare tutto il cambio del bimbo ed i prodotti per la pelle sul fasciatoio, in modo da avere tutto a portata di mano. Il bambino dovrà essere prima immerso in acqua per poi aggiungervi il prodotto detergente, che nel caso di bimbi così piccoli potrà essere un olio lavante, nella quantità di qualche goccia o del semplice amido di riso.

Dopo aver lavato il neonato, si potrà avvolgere in un panno morbido di cotone ed eliminare l’acqua in eccesso tamponando la pelle con delicatezza. A questo punto, bisognerà ripristinare il film idrolipidico dell’epidermide applicando una crema specifica per neonati, o anche un talco liquido, perfetto soprattutto in estate, quando il sudore potrebbe irritare la pelle provocando la fastidiosa sudamina.

Non ci resta che scoprire tutti i consigli che l’ostetrica del canale YouTube ‘Spio’ ha voluto condividere con mamma e papà.