Tre errori che anche tu hai fatto preparando le lasagne

Errori di preparazione, scelte sbagliate che rischiano di trasformare la lasagna in un vero e proprio flop clamoroso.

ricetta lasagna
Foto da Pixabay

Lasagna patrimonio italiano. Tra i piatti più famosi e iconici del bel Paese c’è certamente lei, la lasagna, una ricetta tanto popolare da esser declinata in diverse varianti regionali e, addirittura, in varianti legate alla singola famiglia.

Chi infatti non è convinto che la propria sia la formula magica della lasagna perfetta, la sola vera e originale? Tra besciamella, mozzarella, uova sode, polpette, ragù le possibilità sono ben più che numerose, tutte valide e tutte gustose. Dove è allora il segreto per una lasagna impeccabile? Forse più che in che cosa fare la risposta si trova tra le cose da non fare.

Oggi infatti vi sveliamo i tre errori più comuni che rischiano di trasformare la vostra lasagna in un vero e proprio fallimento.

Errori che rovinano la lasagna

lasagna
Foto da Pixabay

Se dunque la tua lasagna si presenta secca ai bordi, con la pasta mai perfettamente cotta o, ancora peggio, bruciata ecco tre possibili spiegazioni, tre errori che potrebbero aver minato il tuo piatto forte.

Scopriamoli insieme così da evitarli in futuro.

Scelta della sfoglia – Eh già, non tutte le sfoglie sono uguali. Sfoglie di pasta fresca all’uovo sono infatti una scelta di gran lunga superiore rispetto alla variante secca. Importante sarà poi anche sbollentare sempre la pasta prima di andare a comporre la lasagna che, vi ricordiamo, dovrà esser comporta da quattro strati, questo il numero standard.

Il sugo – Né troppo denso né troppo liquido, questa la descrizione del ragù perfetto per andare a farcire una lasagna. Un eccesso di acqua rovinerebbe infatti il risultato finale ma anche un sugo tropo compatto rischia di non andare poi ad amalgamarsi correttamente creando un insieme piacevole e ben condito. Infine sarà importante ricordarsi di spargere il sugo in modo uniforme, sia al centro che gli angoli.

La nemica carta forno – Questo supporto è spesso e volentieri una salvezza in cucina, modo perfetto per preservare l’integrità delle nostre teglie ma, nel caso della lasagna, si tratta di un vero e proprio flop. Usandola si correrà infatti il rischio che il primo strato di pasta si attacchi che la lasagna si presenti poi bruciata e, in poche parole, da buttare.

lasagne
Foto da Pixabay

Infine un piccolo consiglio extra: una volta assemblata la lasagna non andiamo subito ad infornare, attendiamo invece circa quaranta minuti così che il tutto riposi e si amalgami correttamente. La pasta avrà infatti così modo di assorbire il condimento e insaporirsi per bene.

Ecco allora una lasagna perfetta pronta per esser servita. Buon appetito!