Fiumicino, vaccini Covid. Nell’aeropoto un centro per le somministrazioni

Vaccini Covid, si corre veloce per immunizzare i cittadini nel minor tempo possibile. Nasce nell’aeroporto di Fiumicino un mega centro per le somministrazioni. Tutti i dettagli

aeroporto
(Getty Images)

Emergenza sanitaria Covid-19: l’Italia è impegnata con la somministrazione dei vaccini. Dopo i ritardi sulle consegne, prima di Pfizer e poi di AstraZeneca, ora il ritmo sembra ritornare gradualmente alla normalità.

In particolare AstraZeneca, dopo il braccio di ferro con l’Unione europea, si è detta disponibile a fornire altre 9 milioni di dosi. Bruxelles sospetta che la casa farmaceutica anglo-svedese abbia dirottato altrove (forse in Gran Bretagna) alcune dosi che opzionate per i paesi membri dell’Ue. Se così fosse, dovrebbe restituirle. Inoltre, è stata attivata la sorveglianza sull’export dell’azienda.

I ritardi hanno avuto conseguenze anche in Italia, dove la vaccinazione degli over 80 è slittata di un mese. Intanto buone nuove arrivano da Ursula von der Leyen. “Vaccino al 70% degli europei adulti entro l’estate”ha annunciato il presidente della Commissione europea. Un’ottima notizia anche per l’Italia, impegnata e reperire più spazi idonei e risorse umane per incrementare il numero giornaliero delle somministrazioni. In tal senso, un interessante iniziativa parte dall’aeroporto di Fiumicino. Ecco di cosa si tratta.

Vaccini Covid: nell’aeroporto di Fiumicino 2500 dosi al giorno

aeroporto
(Getty Images)

Nel parcheggio di sosta lunga dell’aeroporto di Fiumicino è stato allestito un mega centro vaccinale, con una superficie di oltre 1500 metri quadrati. E’ stato montato dai volontari della Croce Rossa, è costituito da sei tensostrutture e sarà utilizzato per somministrare il vaccino alla popolazione civile non rientrante nelle ‘categorie a rischio’ (anziani, medici, infermieri e operatori sanitari). La struttura potrà accogliere fino a 30 persone alla volta, per una media, secondo Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana, di “2500 dosi giornaliere”.

Quello di Fiumicino è il primo hub vaccinale, il più grande centro nazionale per le somministrazioni anti-Covid. Aprirà ufficialmente al pubblico il 15 febbraio. Il progetto è nato dalla collaborazione tra Regione Lazio, Aeroporti di Roma, Istituto Spallanzani e Croce Rossa Italiana. L’area è stata allestita in tempi record ed è ad alto isolamento termico. Inoltre, è dotata anche di un innovativo tunnel per la decontaminazione, acquistato grazie al supporto di Toyota Italia.

vaccini
(Getty Images)

E’ molto soddisfatto il presidente dell’associazione, da sempre impegnata in prima linea per fronteggiare ogni qualsivoglia emergenza. Anche per la pandemia da Coronavirus, la Croce Rossa Italiana è scesa in campo con grande determinazione. “Dopo il sopralluogo di oggi – ha detto Rocca – posso dirmi orgoglioso di una struttura all’avanguardia che consentirà di somministrare fino a 2500 dosi giornaliere”.

Il video dell’allestimento del hub vaccinale spopola sui social, in particolare su Twitter. Piovono commenti di apprezzamento.

Non resta che attendere il 15 febbraio per l’inaugurazione dell’hub. La speranza è che l’Italia possa raggiungere, il prima possibile, la tanto sospirata immunità di gregge. Per ottenerla, bisognerà vaccinare almeno il 70% della popolazione. Su questo punto, concordano molti esperti.