Quanto è importante un seno grande per gli uomini? Ecco la risposta della scienza

Ti sei mai chiesta se, per essere felice in una relazione, sia necessario avere un seno grande? La scienza ha dato la risposta: ecco qual è.

seno grande
Sofia Loren e Jane Mansfyeld (fonte: Pinterest)

Quante volte ti sei domandata se avere una taglia di reggiseno in più ti avrebbe aiutato nel riuscire a trovare un partner?

Di certo la società (internet, i film, le serie TV ed anche chi incontriamo per strada) ci hanno abituato a credere che essere una “maggiorata” sia qualcosa non solo di auspicabile ma anche di indispensabile!

Come tutto, nella vita, alla fine è arrivata la scienza a darci la risposta giusta: pronta a scoprire qual è?

Seno grande: è davvero indispensabile in una relazione?

seno grande
(fonte: Pexels)

Avere un seno grande, spesso e volentieri, è stato il sogno di tutte.
Ci è stato insegnato, fin da piccole, che le donne con un seno prosperoso, infatti, sono quelle che si divertono di più ed anche quelle che attirano di più l’attenzione.

Poi, per fortuna, si cresce: a differenza di quanto ci insegna la società, quindi, impariamo che l’aspetto fisico conta ma fino ad un certo punto.
Non sono di certo le misure prese con il righello (come per gli uomini che si chiedono quanto contino le dimensioni del loro pene) a rendere una persona degna di essere conosciuta, no?

Anche se abbiamo superato i timori adolescenziali e, finalmente, abbiamo capito che il fisico conta fino ad un certo punto, la domanda e la curiosità, però, rimangono comunque disattese.
Ma è proprio vero che un seno grande ci rende più attraenti?

Come al solito, se non ci fosse la scienza, non sapremmo veramente dove sbattere la testa.
Per fortuna, però, gli studiosi si sono occupati anche di analizzare quanto e se il seno grande possa influenzare positivamente o negativamente l’attrazione che proviamo o suscitiamo negli altri.
Secondo uno studio condotto nel 2017 e riportato da PsychologyToday, parrebbe che la verità stia nel mezzo.

Le misuremedie“, infatti, sarebbero le preferite dagli uomini!

Lo studio evidenzia alcune “verità” che sono diventate, negli anni, delle vere e proprie leggende metropolitane.
Sì, è vero che il seno esercita sugli uomini un’attrazione che valica i confini della sessualità ed entra, direttamente, nel regno della .
Il seno, infatti, diventa la misura per valutare la “validità” della compagna in termini di procreazione.
Ma, udite udite, non è la grandezza il vero discrimine quanto, invece, il fatto che sia o meno sodo!

Tra le varie foto che sono state proposte ad un gruppo di uomini di varie nazionalità, il dato che è uscito fuori come più rilevante e più ricorrente è quello riguardante la consistenza.
Un seno sodo, infatti, sarebbe più importante di un seno grande. Molto spesso, quindi, i seni di una misuramedia” attirano molto di più l’attenzione maschile perché comunicherebbero la “qualità della partner”.

Insomma, è vero sì che il seno è importante (biologicamente) nell’attrazione ma è anche vero che non bisogna averlo grande per attirare l’attenzione!
Lo studio evidenzia anche che, culturalmente e regionalmente, le differenze ci sono ma sono troppo minime e variabili per essere prese in considerazione.

Ad esempio, sempre secondo lo studio, gli uomini single sarebbero più attratti dalle donne con un seno molto piccolo perché il seno grande metterebbe loro agitazione.
A quanto pare, socialmente e psicologicamente, gli uomini sono stati condizionati a credere che una donna con il seno grande sia più “aggressiva” o “volubile” delle altre.
Insomma, una vera e propria sciocchezza!
A confermarla, però, ci sarebbero le preferenze elencate dagli uomini sposati che, invece, valutano positivamente il seno grande.

Un altro dato, invece, stabilisce le preferenzeregionali” e nazionali, con variazioni decisamente altalenanti.
Passando dagli uomini neozelandesi a quelli australiani si può trovare quasi tutto lo “spettro” delle grandezze dei seni.
Insomma, a quanto pare una risposta precisa o culturalmente definita è impossibile.

Da quando siamo piccoli, infatti, abbiamo potuto studiare come la figura femminile e le sue rappresentazioni siano cambiate nel corso dei secoli.
Dalla Venere di Willendorf (la famosa statuetta della fertilità simbolo del paleolitico) passando per Kate Moss nei primi anni 2000 fino ad arrivare a Kim Kardashian è ormai palese che lo standard della

Insomma, in conclusione il tuo seno, grande o piccolo, medio, sodo o non sodo e di qualsiasi forma e colore va bene esattamente così com’è.

Le attenzioni maschili, infatti, sono mutevoli e soggette a tantissimi fattori sociali. Tra cinque anni (o meno) tutto sarà cambiato di nuovo: insomma, non sono di certo gli uomini a determinare la bellezza o meno del tuo corpo!

La risposta alla domanda iniziale, quindi, è che il seno è importante; ma gli stessi che lo adorano non sanno o mettersi d’accordo su quale sia il loro tipo preferito.

Sentirsi a proprio agio nel nostro corpo, in fondo, rimane quindi il dato più importante.