Scarpe che fanno male alla salute: 5 modelli di cui non dovremmo abusare

Scopri quali scarpe, se indossate troppo di frequente, possono divenire una vera e propria minaccia per il benessere del nostro corpo.

dolore tacchi
Foto da Adobe Sotck

Nella storia ci sono stati veri e propri capi e accessori killer, indimenticabile che hanno ucciso chi li indossava ma anche chi li produceva.

Oggi non vogliamo certo arrivare a tanto ma già sappiamo che esistono dei vestiti che non giovano propriamente alla salute di chi li indossa. Tempo fa avevamo spiegato ad esempio perché sfoggiare jeans troppo tratti rischi di danneggiare la nostra salute, oggi vogliamo fare uno step in più.

Sapevi che esistono anche scarpe che possono trasformarsi in una minaccia per il benessere di chi le porta? Vediamo di capire meglio ciò di cui stiamo parlando.

I modelli di scarpe che possono nuocere alla salute

tacchi
Foto da Unsplash

Come ha spiegato Eleonora Petrella, influencer che spese amiamo seguire qui su CheDonna.it, nel suo video dedicato a capi e accessori che possono nuocere alla salute:

“Un uso sporadico non costituisce alcun problema (salvo pregresse condizioni). Si tratta solo di sviluppare una maggiore consapevolezza ai fini del nostro benessere.”

Non esistono dunque vere e proprie calzature vietate, si tratta piuttosto di modelli che sarebbe bene indossare con parsimonia.

Con l’aiuto proprio di Eleonora Petrella e del suo video, noi ne abbiamo individuate cinque:

Scarpe troppo strette – Non tutte le scarpe sono adatte a tutti i piedi e, se è vero che “chi bella vuole apparire un poco deve soffrire”, è altrettanto vero che soffrire troppo dovrebbe esser percepito come un campanello d’allarme. Calli, vesciche, duroni, unghie incarnite sono vere e proprie croci che vi consigliamo di evitare con grande cura.

Scarpe di un numero in meno – Chi le compra? Be’, almeno una vota sarà successo a tutte. Ci piace così tanto quel modello che, anche se il nostro piede al suo interno palesemente non riesce a starci, lo acquistiamo comune: grosso errore. Tutti i disagi del primo punto dovrete ora moltiplicarli per dieci e forse anche di più.

Scarpe a punta molto stretta – Soprattutto per chi ha la pianta larga si tratta veramente di una mission impossible. L’eccessiva compressione delle dita non è mai una buona scelta: fortunatamente la moda tornata da poco già pare si stia smussando un po’.

Tacchi molto alti – Unghie, piedi, caviglie, ginocchia e schiena sono le vittime dei tacchi vertiginosi, quelli che tanto ci piacciono e per i quali sembriamo disposte anche a soffrire un po’. Queste calzature però sovraccaricano la parte anteriore del piede e spostano il peso del corpo in avanti in modo innaturale e dannoso.

Scarpe rasoterra – Come sempre gli estremi non sono mai una scelta corretta. L’ultraflat, se portato quotidianamente, influisce negativamente sulla parte posteriore del piede, gravando spesso sulla zona lombare in modo assai negativo. Ballerine, sandali rasoterra, mocassini e affini sono dunque da ponderare con attenzione.