Se hai avuto questi sintomi potresti aver avuto il Covid-19 senza saperlo

Da quando è arrivato il Coronavirus ogni volta che ci sentiamo poco bene il nostro pensiero cade sempre lì. Se hai avuto questi sintomi potresti aver avuto il Covid-19 senza saperlo.

covid-19 sintomi
Foto di Maksim Goncharenok da Pexels

Da quando è scoppiata la pandemia da Coronavirus è difficile capire se quando ci ammaliamo si tratta di Covid-19, o di una banale influenza.

Mentre alcuni soggetti si ammalano gravemente fino ad arrivare anche alla morte, nei casi più gravi, tanti altri sono asintomatici o paucintomatici, ovvero hanno sintomi blandi.

Se da quando c’è il Coronavirus hai avuto questi sintomi potresti aver contratto il virus Sars-CoV-2 senza nemmeno saperlo. Scopriamo quali sono.

Ecco i sintomi che segnalano che potresti aver avuto il Covid-19

raffreddore ricorrente
Foto di Anastasia Gepp da Pixabay

Per sapere se si è già contratto il Covid-19 il modo più sicuro è quello di sottoporsi ai test. Ma se abbiamo avuto alcuni sintomi potremmo averlo avuto in forma leggera e lieve che potremmo non essercene nemmeno accorti.

Se ad esempio abbiamo avuto quello che poteva sembrarci un banale raffreddore o un’influenza e vogliamo toglierci ogni dubbio basterà sottoporsi a un test sierologico che serve a rilevare la presenza di anticorpi. Un test rapido che si effettua tramite il pungidito, mettendo una goccia di sangue nell’apposito strumento. O altrimenti anche attraverso il prelievo del sangue.

Vediamo allora quali possono essere i sintomi che ci indicano che potremmo aver contratto il Covid-19 senza saperlo.

1) Raffreddore. Nel periodo invernale soprattutto ci sono moltissimi virus del raffreddore e anche se è uno dei malanni più comuni di stagione potremmo averne contratto uno che invece non era poi così banale. Se tra i sintomi riscontrati c’è stato solo quello, gli esperti sostengono che potrebbe essersi trattato solo di un raffreddore, ma se hai avuto anche tosse, brividi, febbre, difficoltà a respirare, mal di testa, perdita del gusto e olfatto, dolori muscolari, nausea e vomito, diarrea, spossatezza allora potresti essere entrato in contatto il Coronavirus.

2) Perdita di gusto e olfatto. Questi sintomi in genere sono uno dei principali indicatori del Covid-19. L’anosmia, di cui già avevamo parlato, è stato classificato dall’Oms come uno dei sintomi del Covid-19. Non è detta che si verifichi in tutti i pazienti ma se hai avuto la perdita di entrambi i sensi per un periodo piuttosto prolungato potresti aver avuto il Covid-19.

3) Eruzioni cutanee. Il 5-10% dei pazienti affetti da Covid-19 ha manifestato eruzioni cutanee, tra cui i geloni, definito in termini medici eritema pernio che alcuni hanno definito “alluce da Covid”. In genere compaiono sulle dita di mani e piedi in seguito al congelamento, ma nel caso del Covid-19 si manifestano senza di esso. Generalmente le dita appaiono scolorite e tendenti al bluastro, a volte sono dolorose o danno prurito. Non solo geloni, ma tra le manifestazioni cutanee possono esserci anche rash, eritema polimorfo, lesioni dell’orticaria, vescicole simili a quelle della varicella, comuni anche ad altre infezioni virali.

4) Infiammazione alla lingua. Si tratta di un nuovo sintomo riscontrato. Ovvero un’infiammazione alla lingua che provoca dolore, scolorimento, gonfiore e ulcere in bocca definita anche come “lingua Covid”. A segnalare il sintomo finora un po’ trascurato il professor Tim Spector , epidemiologo del King’s College of London. Definita anche glossite, questo sintomo non è riconducibile solo al Covid, ma è la spia anche di altre patologie però se si dovesse presentare è sempre bene rivolgersi a un medico per sciogliere ogni dubbio.

5) Perdita dei capelli. Più del 30% delle persone affette da Covid-19 subiscono la caduta dei capelli. Questo fenomeno si chiama in gergo medico “telogen effluvium acuto”. Un sintomo che in genere si manifesta a due o tre mesi dalla guarigione e quindi postumo all’infezione.

6) Perdita dell’udito e acufene. Seppur molto raro anche la perdita di udito, improvvisa e permanente, così come l’acufene potrebbero essere legati all’infezione da Coronavirus. Ad indicarlo un caso clinico, la cui analisi è stata pubblicata sul British Medical Journal Case Reports da Foteini Stefania Koumpa, dell’University College London e del Royal National Throat Nose and Ear Hospital, come si legge sul Corriere.it. In particolare il paziente analizzato oltre a riportare acufeni, ovvero ronzii e tintinni all’orecchio, ha accusato poi anche la perdita totale dell’udito dall’orecchio sinistro. (Fonte: Corriere.it).

Ronzio nelle orecchie, perchè lo sentiamo e quando preoccuparsi

7) Congiuntivite e altre infezioni oculari. Anche se è classificato come uno dei sintomi meno comuni secondo l’Oms. Per l’American Academy of Ophthalmology la congiuntivite si svilupperebbe tra l’ 1% e il 3% dei casi. Inoltre, ci sono state osservazioni cliniche come quelle effettuate da Chelsey Earnest, un’infermiera del Life Care Center di Washington che alla Cnn ha affermato che i pazienti affetti da Covid-19 mostravano “occhi arrossati come se fossero affetti da allergia, con la parte esterna particolarmente arrossata, come se indossassero dell’ombretto rosso”. (Fonte: Il Giornale).

Oltre a questi sintomi ce ne sono anche altri che potrebbero essere la spia del Covid-19. Essendo, inoltre, un virus nuovo gli esperti di tutto il mondo lo stanno ancora studiando. In ogni caso se si dovessero avere dei dubbi è sempre bene consultare un medico e sottoporsi ad un test per avere informazioni più certe.

Da leggere