Crisi di governo: mandato esplorativo a Fico. Quattro giorni di tempo

Crisi di Governo, mandato esplorativo per Roberto Fico. Lo ha deciso il Capo dello Stato. Il presidente della Camera ha tempo fino a martedì prossimo

Roberto Fico
(Getty Images)

Crisi di governo: innescata da Italia Viva, con il ritiro della sua delegazione di ministri, ora si lavora per una risoluzione. Dopo il voto di fiducia al Conte Bis, prima alla Camera e poi al Senato, sono arrivate le dimissioni di Giuseppe Conte. Adesso l’obiettivo è quello di allargare la maggioranza parlamentare, così da avere un nuovo esecutivo più forte nei numeri.

Una ‘missione’ difficile, considerate le diverse spaccature tra i gruppi politici, ma non per questo impossibile. Spetterà al presidente della Camera, Roberto Fico, trovare la quadra, avendo ricevuto un mandato esplorativo dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Mandato esplorativo, Fico: “Momento delicato per il Paese”

roberto fico
(Getty Images)

Toccherà a Roberto Fico “verificare la prospettiva di una maggioranza parlamentare a partire dai gruppi che sostenevano il precedente governo”(Pd, LeU, M5s e Iv, ndr). E’ questo l’obiettivo dell’esponente del Movimento Cinque Stelle, che ha ricevuto l’incarico dal Capo dello Stato. C’è tempo fino a martedì 2 febbraio, giorno in cui Fico sarà chiamato a riferire. “Nei prossimi giorni – ha detto – sarò impegnato con gli esponenti di queste forze politiche. Ringrazio il Presidente Mattarella della fiducia che mi ha accordato.

Il mandato esplorativo si è reso necessario perché le consultazioni tra il Presidente della Repubblica e i partiti maggioranza e minoranza non hanno avuto l’esito sperato. Spetterà quindi a Fico proseguire gli incontri con i partiti, per provare a capire se è possibile individuare un nuovo premier e una nuova composizione del Consiglio dei ministri.

L’appello è preciso: “Bisogna dare vita presto a un governo con un adeguato sostegno delle Camere” – ha detto Mattarella alle 19, al termine delle consultazioni di ieri 29 gennaio. Il Capo dello Stato ha sottolineato che “è emersa la prospettiva di una maggioranza politica composta a partire dai gruppi che sostenevano il governo precedente”. Una possibilità che “va peraltro doverosamente verificata”.

Si va verso un Conte Ter? L’ipotesi non è da scartare. Il centrodestra, compatto, dice no ad un nuovo incarico per Giuseppe Conte. Per Antonio Tajani (Forza Italia), Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) e Matteo Salvini (Lega) la via maestra resta quella delle elezioni.

Roberto Fico
(Getty Images)

Pd e Cinque Stelle, però, ‘blindano’ Giuseppe Conte e lo vorrebbero alla guida del nuovo esecutivo. Matteo Renzi, invece, non si sbilancia. Tuttavia, Italia Viva, ha definito “l’incarico esplorativo a Fico una scelta saggia”.