Covid, immunità di gregge. L’annuncio di Sandra Zampa fa ben sperare

Emergenza Covid: l’Italia riuscirà a raggiungere l’immunità di gregge? L’annuncio di Sandra Zampa fa ben sperare

Sandra Zampa
(Facebook @szampa56 · Servizi locali)

Il mondo intero è stretto ancora nella morsa del Covid. In Italia si corre veloce per vaccinare una fetta consistente di popolazione. Sull’andamento complessivo, però, pesano i ritardi di Pfizer. E’ allarme slittamento per le vaccinazioni degli over 80. Entro questa settimana le consegne dei lotti dovrebbero riprendere a ritmo regolare. E’ scontro anche tra AstraZeneca e Unione europea, sempre per i ritardi. Bruxelles pensa che la multinazionale abbia dirottato alcune dosi nel Regno Unito, in barba agli accordi siglati. L’ipotesi è da verificare, lo scontro è acceso ma AstraZeneca respinge le accuse.

L’Italia va avanti con il sistema delle quattro aree di rischio. Il metodo, però, è stato criticato da Walter Ricciardi che, invece, vorrebbe un lockdown di 3-4 settimane. Si va verso l’immunità di gregge? I pareri sono discordanti ma c’è chi è ottimista.

Immunità di gregge: ecco la previsione di Sandra Zampa

Sandra Zampa
(Facebook @szampa56 · Personaggio politico)

L’Italia si avvia verso l’immunità di gregge? Sandra Zampa è ottimista e indica un periodo preciso. “L’obiettivo che ci siamo prefissi come governo, settembre-ottobre, non cambia e siamo convinti di poterlo raggiungere”. Così ha ha detto ad Affaritaliani.it la sottosegretaria alla Salute, rispondendo alla domanda su quando verrà raggiunta l’immunità di gregge in Italia, tenuto conto del piano di vaccinazioni.

“Per arrivare all’immunità di gregge – ha precisato Zampa – deve essere vaccinato il 70% dei cittadini italiani, oltre ovviamente agli stranieri che vivono nel nostro Paese e che hanno diritto alla stessa tutela”. Quindi si dovrebbe iniziare a vedere la luce in fondo al tunnel già verso fine estate.

L’Italia, per accelerare i tempi, ha deciso di investire 81 milioni nel vaccino ReiThera prodotto alle porte di Roma. Potrebbe essere disponibile già per l’estate. “Lo Stato italiano entra con capitale pubblico in ReiThera, l’azienda di Castel Romano che sta sviluppando il vaccino antiCovid. È una scelta giusta e importante. Da questa crisi dobbiamo uscire più forti per garantire la salute delle persone oggi e domani“. Così ha scritto su Fb il ministro della Salute, Roberto Speranza.

vaccini
(Getty Images)

Intanto c’è già chi ragiona sull’introduzione di una sorta di ‘patentino per i vaccinati’. Il dibattito è aperto, i pareri sono contrastanti e c’è il chiarimento di un costituzionalista. Senza obbligo vaccinale introdotto con legge, l’idea di un ‘lasciapassare’ sfuma. Al momento c’è libertà di scelta, ma non si esclude che le cose possano cambiare.