Il rossetto è finito ma ti piaceva tanto? Ecco come farlo durare ancora a lungo

Il nostro rossetto preferito finisce sempre troppo presto: ecco come riciclare gli avanzi in maniera assolutamente geniale!

I rossetti più venduti nel 2019
Fonte foto: Istock

C’è sempre un po’ di rossetto che rimane intrappolato nell’applicatore stick: quante volte ci siamo ritrovate a raccoglierlo con un pennellino fino a che non era del tutto esaurito?

Anche se questa tecnica è perfetta per utilizzare la maggior parte del prodotto che abbiamo acquistato, ce n’è una molto più creativa per dare agli avanzi del rossetto una vita completamente nuova trasformandoli in un prodotto del tutto diverso!

Riciclare gli avanzi di rossetto? Un’idea geniale

test rossetto

Innanzitutto è necessario prelevare tutto il prodotto residuo accumulato sul fondo dell’applicatore. Lo si può fare facilmente grazie a un bastoncino di legno per le cuticole o a una limetta per le unghie.

Dopo di ciò è necessario sciogliere il prodotto a bagnomaria fino a renderlo di nuovo fluido.

Dopo aver rimosso il prodotto dal fuoco sarà necessario aggiungere olio di cocco, di mandorle o un qualsiasi altro olio di origine vegetale. Una buona alternativa agli oli è costituita dai gel naturali come quello di aloe.

Il motivo per cui si utilizza un additivo oleoso è facilitare la fluidificazione delle cere che costituiscono il rossetto. È importante non utilizzarne troppo al fine di non impedire successivamente al prodotto di riprendere la sua consistenza.

Una volta ottenuto il nuovo composto sarà necessario versarlo nel barattolino e riporlo in freezer perché si condensi. A questo fine si possono utilizzare sia i comuni barattolini per pigmenti sia i barattolini per creme corpo specifici per trasportare prodotti di bellezza in viaggio. Un’alternativa creativa è utilizzare i barattolini delle marmellate monodose.

L’obiettivo è far solidificare nuovamente la cera del rossetto, ottenendo un prodotto semisolido che si possa raccogliere con un pennellino o, se si preferisce, addirittura con le dita. Una volta solidificato di nuovo, il prodotto può essere conservato a temperatura ambiente come un comune rossetto.

Com’è naturale che sia, riciclare i residui di rossetto con questa tecnica altera il colore originario, schiarendolo leggermente.

Per questo motivo il prodotto ottenuto può essere utilizzato anche come blush in crema, perfetto da applicare sulle guance in inverno per proteggerle dal freddo pungente.

Data la sua composizione fluida, questo prodotto è l’ideale per creare un make up completo partendo soltanto da una base trucco eseguita perfettamente. Questa tecnica si può eseguire anche con un normale rossetto, ma con quello riciclato è ancora più semplice!

Vuoi conoscere altri utilissimi segreti? Leggi tutti i Trucchi di Bellezza scoperti per te da Chedonna!

Partendo dagli occhi, può essere infatti utilizzato in piccolissime quantità sugli angoli esterni della palpebra superiore per dare profondità allo sguardo. Come già accennato il rossetto riciclato può trasformarsi in un ottimo blush da stendere con i polpastrelli per dare immediatamente al viso un aspetto più giovane e in salute. Naturalmente può essere applicato sulle labbra con un pennellino per trasformarsi in una versione più light e burrosa del rossetto originale. E tutto in un pratico barattolino da portare sempre in borsetta!