Trucco per calmare il pianto di un neonato: incredibile, funziona davvero!

Il trucco incredibile per far calmare in pochi minuti il pianto inconsolabile di un neonato. Incredibile, milioni di genitori lo hanno provato e funziona davvero! 

Neonato che piange
Adobe Stock

Tutti i neo genitori fanno i conti, a volte ogni giorno, con il pianto inconsolabile di un neonato, quel pianto di cui a volte si fatica davvero a capire la causa, dopo aver escluso le classiche coliche.

Secondo gli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù il pianto è  il modo con cui il neonato esprime i suoi sentimenti e anche le sue esigenze. A volte infatti possono piangere non solo per problematiche fisiologiche ma anche per collera, quando non si sentono corrisposti nelle loro esigenze primarie. Scopri anche perché il miele non dovrebbe mai essere dato ai bambini prima dell’anno di età. 

Perché i neonati piangono e come interpretare il loro pianto

neonato che piange
Pixabay

I neonati piangono spesso, soprattutto la notte, come ogni genitore può testimoniare, in questo modo queste piccole creature indifese esprimono i loro sentimenti, o qualche dolore che stanno provando. Il pianto è la forma di comunicazione che i neonati utilizzano sin dai primi giorni di vita, il modo di richiamare l’attenzione dei genitori, in particolare quella della mamma per richiedere il nutrimento, il conforto o la protezione di cui necessitano, come spiegato nel sito dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Sempre secondo gli esperti, ecco quali sono i principali motivi per cui un neonato piange:

  • un neonato può piangere perché ha fame
  • un neonato può piangere perché ha il pannolino sporco
  • un neonato può piangere perché ha troppo caldo o troppo freddo
  • un neonato può piangere a causa di rumori di sottofondo che lo infastidiscono

Ecco le caratteristiche dei principali tipi di pianto come descritti dagli esperti dell’Ospedale Bambino Gesù:

” Il pianto da fame: il cui l’inizio è a bassa intensità per poi divenire più forte e ritmico;
– Il pianto da dolore: intenso, forte fin dall’inizio e prolungato nel tempo con, a seguire, una fase di silenzio e presenza di singhiozzi alternati a brevi inspirazioni;
– Il pianto da collera: simile al pianto da fame, ma con tonalità più bassa ed intensità costante”

Quando il pianto del neonato deve destare preoccupazione

Quando un neonato di solito tranquillo scoppia in un pianto inconsolabile lungo e forte, contattate il medico pediatra è consigliabile per individuarne la causa. Scopri anche la soluzione perfetta per la dermatite da pannolino! 

Il trucco per far calmare il pianto del neonato che tutti i genitori dovrebbero conoscere!

Il pediatra Robert Hamilton fondatore del  Pacific Ocean Pediatrics in Santa Monica, California ha messo a punto una ‘presa calmante‘ per i neonati che piangono in modo inconsolabile e lo ha condiviso in un video di You Tube che in pochissimo tempo è diventato virale!

Ecco le parole con cui il dottor Hamilton presenta la sua presa calmante:

“Sono Robert Hamilton e sono un pediatra da trent’anni. Ho utilizzato questa tecnica che ho chiamato ‘la presa’. E’ molto utile per calmare i bambini e tenerli tranquilli. Oggi vi mostrerò come fare, è una semplice mossa e capirete”

e poi nello specifico, avvicinandosi ad un neonato che piange spiega:

” Questo è Ashton che piange. Ora vi faccio vedere come fare. Prendo Ashton in braccio e piego lentamente il suo braccio destro e poi il sinistro sopra. Metto una mano sul sederino sostenendo tutto il corpo e delicatamente lo faccio andare su e giù. Roteo verso destra e verso sinistra. Si è calmato, guardate le gambine, non danno più segnale di dolore, sono rilassate. Continuo a scuotere dolcemente, faccio girare un po’ a destra e a sinistra. 

L’importante è essere molto delicati. Bisogna sostenere il bambino con tutto il palmo della mano non solo con le dita, e supporto il mento. Lo teniamo a triangolo, l’inclinazione del bimbo deve essere a 45 gradi non a 90 altrimenti la testina cadrà all’indietro e in un attimo perdete il controllo del bimbo. Le dita sono piegate a uncino così si appoggerà il mento. Guardate come è calmo, sereno”

Non vi resta che provare questa ‘presa calmante’ che sembra abbia funzionato davvero su milioni di neonati!

Fonti: ospedalebambinogesu.it, Pacific Ocean Pediatrics