Perché la musica è importante per i bambini: la spiegazione in 5 punti

Spesso sentiamo dire che la musica è importante per i bambini. Ma qual è il motivo? Ecco la spiegazione in 5 punti.

musica bambini
Foto di cottonbro da Pexels

Quante volte abbiamo sentito dire che la musica è importante per i bambini? Se si pensa, molto spesso viene insegnata nelle scuole, oltre ai vari corsi privati che indipendentemente da essa i piccoli possono seguire.

Non solo imparare a suonare uno strumento, ma è importante educare i bambini anche all’ascolto della musica. Esistono numerosi studi, a tal proposito, che testimoniano come i bambini che seguono corsi si musica abbiano rendimenti migliori anche in altre discipline tra cui la matematica. 

Scopriamo allora quali sono i vantaggi nell’avvicinare un bambino, sin dalla più tenera età, alla musica con una spiegazione che si basa sostanzialmente su 5 punti. 

Ecco perché la musica è importante per i bambini

musica bambini
Foto di Andrea Piacquadio da Pexels

Molti si chiedono perché la musica sia così importante per i bambini. Il grande direttore d’orchestra Claudio Abbado disse: “Non si deve insegnare la musica ai bambini per farli diventare grandi musicisti, ma perché imparino ad ascoltare e, di conseguenza, ad essere ascoltati”.

I benefici dello studio della musica sono davvero notevoli. La musica contribuisce infatti allo sviluppo celebrale dei bambini, aumentando la capacità di astrazione e accrescendo le competenze analitiche, matematiche e linguistiche.

Il motivo? Per ascoltare, cantare o suonare si devono attivare entrambi gli emisferi del cervello, ovvero quello destro che coglie il timbro della musica e la melodia ed è sede delle emozioni e delle sensazioni. E il sinistro, ovvero quello che percepisce il ritmo e l’altezza dei suoni, luogo dei processi logici.

Offrendo ai bimbi la possibilità di studiare la musica e quindi di suonare uno strumento, migliora in loro anche la concentrazione, l’autocontrollo e l’attenzione. 
E in tutto questo i genitori quale ruolo hanno? Quello di incoraggiare i propri figli sempre, questo li aiuterà infatti ad ottenere buoni risultati. 
Scopriamo allora punto per punto quali sono i benefici della musica per i bambini e perché è bene farli avvicinare a tale disciplina sin da piccoli.

1) Migliora la vita. La musica è un rifugio, ascoltare musica o suonare uno strumento è una valvola di sfogo dallo stress quotidiano. Inoltre, la musica mette di buonumore. È divertente e stimola emozioni e sentimenti positivi. La musica si può ascoltare o suonare più e più volte senza stancarsi, e questo nei bambini, così come negli adulti, genera una sorta di piacere, specie se si ascolta la propria canzone preferita.

2) Aiuta a rilassarsi. Dipende dal genere musicale che si ascolta ma in genere se la musica è gradita ha il potere di far rilassare. Questo accade in particolar modo con quella classica. Uno dei compositori che stimolano maggiormente in questo senso è Mozart. A tal proposito, molto spesso consigliano di ascoltare musica anche alle donne in gravidanza e poi di continuare a sentire la stessa musica quando il bimbo è neonato così da generare in lui una certa tranquillità.
3) Migliora le capacità cognitive. Come già accennato la musica aiuta a migliorare le abilità cognitive molto di più rispetto alle discipline sportive o teatrali. In genere i bambini che studiano musica hanno voti più alti a scuola ma sono anche più creativi, ambiziosi, aperti, responsabili e riescono a gestire meglio l’ansia. Non solo, hanno anche maggior autostima. La musica aiuta ad imparare le lingue, stimola l’udito, rallenta l’invecchiamento e fa aumentare in generale il quoziente intellettivo. E poi la musica facilita l’apprendimento della matematica, perché è essa stessa matematica. Esiste infatti un forte legame tra le due discipline.
4) Favorisce lo sviluppo verbale migliorando il linguaggio. Non solo con la matematica, ma la musica ha un forte legame anche con il linguaggio. Si dice infatti che i due linguaggi, quello musicale e quello verbale siano simili. I suoni sono collegati alle parole e chi studia musica è più avvantaggiato a parlare, leggere ma anche a comprendere i testi scritti.
5) La musica favorisce le amicizie. Grazie ad essa sono nate infatti molte amicizie perché ha una funzione aggregante. Basti pensare ai cori o ai gruppi adolescenziali che si riuniscono attorno ad una chitarra a cantare. La musica poi trasmette in genere anche importanti valori oltre all’amicizia, come l’amore e la solidarietà.
musica bambini
Foto di cottonbro da Pexels

Sin da piccoli quindi è importante educare i bambini alla musica, poi quando saranno più grandi potranno fare da soli la scelta dello strumento che più preferiscono approfondire, importante sarà da parte dei genitori metterli nella condizione di poter ascoltare e compiere i primi passi nel mondo della musica.