Che cosa rende sicura un’app di messaggistica come Whatsapp?

Quando utilizzate le app di messaggistica come WhatsApp sapete a quali rischi andate incontro? Scopriamo insieme cosa rende sicura e protetta un’applicazione per inviare i tuoi messaggi

Sempre più sentiamo parlare di sicurezza e di privacy. Con l’evoluzione delle tecnologie e il raffinamento degli strumenti per comunicare la sicurezza e la privacy sono diventati concetti sempre più importanti per la cura dei nostri dati online. In particolar modo con le applicazioni.

app per chattare
Foto da Unsplash

Per comunicare con gli altri da un semplice invito a cena a un messaggio su un’importante e delicata questione di lavoro utilizziamo le app di messaggistica, prima fra tutti WhatsApp.

Ma un’applicazione per essere sicura deve essere in grado di proteggere le chat da hacker e autorità governative. Capiamo meglio che cosa vuol dire.

App di messaggistica criptata, cosa significa e perché sceglierla?

E’ arrivato il momento di iniziare a riflettere sulla sicurezza delle nostre comunicazioni online, dai messaggi di buon compleanno alla discussione sulla famosa riunione sulla criticità ritrovata a lavoro.

 cyber security
Foto da Pixabay

Vuoi sapere proprio tutto sulle nuove app disponibili per il tuo telefono? Consulta a questo link l’archivio di Chedonna!

La prima cosa da controllare nella scelta un’app di messaggistica (WhatsApp, Telegram, Line, WeChat, IMessage, Skype etc.) è la disponibilità di una funzione di criptaggio end-to-end. Cosa significa?

Significa che i dati dei messaggi privati rimangono privati. Dunque, solo chi ha le “chiavi” ossia mittente e destinatario potranno leggerli. Questo è il primo indice di sicurezza che bisogna andare a ricercare in ogni applicazione. Ma non basta. A volte questa funzione deve essere prima attivata.

Dunque, il secondo step per capire se un’applicazione per chattare è sicura è capire se il criptaggio end-to-end sia attivo; nel caso in cui non lo fosse, bisognerà accedere alle impostazioni dell’app per attivarlo. Un esempio è iMessage (differenza di criptaggio distinta dal colore blu o verde).

In secondo luogo per capire se un’app di messaggistica sia valida in termini di privacy e sicurezza bisogna sapere se il codice sorgente dell’app venga rivelato dall’autore, questo è ora generalmente considerato un fattore indicativo dell’integrità dell’app. La pubblicazione del codice open source ha l’effetto di aprire l’app alle sollecitazioni esterne, consentendone il controllo da parte degli esperti, e questo può essere utile per richiamare l’attenzione su eventuali punti deboli e vulnerabili nel codice.

Purtroppo non tutte le applicazioni hanno iniziato a utilizzare il criptaggio end-to-end, alcune continuano a raccogliere informazioni sugli utenti, ovvero i metadati. Ma c’è un modo per bloccare questa azione e basta configurare un’app VPN sul dispositivo mobile per bloccare immediatamente la racconta di informazioni personali come dati sul dispositivo utilizzato, numero di telefono, dati personali, indirizzo IP.