Lenticchie a capodanno un must della tavola: ecco i trucchi per farle al meglio

Le lenticchie a capodanno sono un vero e proprio must della tavola. Scopri come prepararle al meglio seguendo questi pochi e semplici trucchi.

lenticchie trucchi
Adobe Stock

Ogni tavola che si rispetti la notte di capodanno ha un piatto di lenticchie. Un vero e proprio must del cenone nella notte di San Silvestro che alcuni accompagnano anche al cotechino ma che non deve necessariamente essere così.

Le lenticchie, in genere, è usanza mangiarle a capodanno perché considerate di buon auspicio per l’anno che verrà e quest’anno, considerando come è andato il 2020, ne servirebbero davvero a vagonate.

Se è la prima volta che vi cimentate nella cottura delle lenticchie sappiate che non è difficile. Se invece siete già esperte navigate, siete sicure di fare tutti i passaggi che consigliano gli chef? Ecco i trucchi per preparare lenticchie a regola d’arte.

I trucchi per preparare al meglio le lenticchie di capodanno

lenticchie trucchi
(Pixabay)

Cucinare le lenticchie non è difficile ma saperle fare a regola d’arte è un’altra cosa. Ci sono infatti alcuni piccoli accorgimenti da seguire per cucinarle al meglio e stupire i vostri commensali. Scopriamoli.

1) Scelta dei legumi. Ci sono lenticchie e lenticchie, non tutte sono uguali. Ad esempio quelli più rinomate provengono dall’Umbria, in particolare le IGP di Castelluccio di Norcia. Altrimenti ci sono, sempre di provenienza umbra, quelle di Colfiorito. Altre tipologie sono quelle verdi di Altamura, quelle di Ustica, considerate le più piccole d’Italia e tra le più saporite, tanto per citarne alcune. Inutile dire che ognuna ha dei tempi di cottura e si sposa meglio con dei cibi piuttosto che con altri. Quindi, quando le acquistiamo verifichiamo bene i tempi di cottura riportati in etichetta, così come se necessitano o meno dell’ammollo. Ma ci arriveremo tra poco.

2) Ammollo. In genere i legumi secchi devono essere messi a bagno nell’acqua per reidratarsi, prima di cuocerli. Altrimenti esistono già precotte e basterà solo farle rinvenire in pentola in pochi minuti. Se però optate per quelle secche dovrete verificare se in etichetta è scritto di metterle in ammollo o no. In genere quelle decorticate non necessitano di tale procedimento. Anche perché se non è consigliato rischiate solo di ammorbidirle troppo e poi in cottura si sfalderanno diventando un pappone. Se vi serviranno per una vellutata può anche andare bene, ma se volete degustarle intere no. Se invece in etichetta è consigliato l’ammollo in genere consiste nel metterle in acqua per circa 2 o 3 ore. Anche meno se le lenticchie sono piccole.

3) Controllo visivo. Devono essere necessariamente sottoposte a un accurato controllo visivo prima di essere cucinate perché spesso contengono sassolini o rametti che inevitabilmente finiscono nella busta insieme alle lenticchie. Dunque, se non vogliamo ritrovarci a mangiare un sassolino meglio guardare bene prima di buttarle in pentola.

4) Risciacquo in acqua corrente. Altro importante consiglio è di sciacquarle bene prima di cuocerle. In genere sono molto impolverate quindi, specie se non le avrete messe in ammollo, lavatele accuratamente prima di cuocerle.

5) La cottura. Le lenticchie possono essere cotte in più modi (qui potete trovarli). In linea di massima le lenticchie cotte in pentola prevedono dei tempi di cottura che vanno dai 20 ai 40 minuti a seconda della tipologia di lenticchia. Se ne avete di più tipi non mischiatele, soprattutto se hanno tempi di cottura diversi.

6) La giusta quantità d’acqua. Le lenticchie ne assorbono parecchia quando cuociono non considerando che aumentano in cottura fin quasi a raddoppiare. Per essere sicuri che non brucino quindi dovremo ricoprirle di acqua. Se durante la cottura vediamo che sarà poca aggiungiamola dopo averla però riscaldata altrimenti blocchiamo la cottura.

7) Sale. Aggiungere il sale solo alla fine. Nel caso di lenticchie solo bollite.

8) Soffritto o no? Se preferite cucinare delle lenticchie più saporite, da mangiare ad esempio come contorno, potrete aggiungere in cottura una carota, una costa di sedano e una cipolla. Ora, se vi piacciono i piatti più saporiti potrete tritarli e farci un soffritto e poi aggiungere le lenticchie, ricoprire d’acqua, e far cuocere. Altrimenti potrete optare per mettere le verdure intere e poi toglierle una volta che le lenticchie sono cotte. A voi la scelta.

lenticchie trucchi
Adobe Stock

E voi le mangerete le lenticchie a capodanno?