Fuochi d’artificio e bambini: raccomandazioni per un Capodanno sicuro

I fuochi d’artificio, per quanto scenici, nella notte di San Silvestro, possono essere anche molto pericolosi, specie in presenza dei bambini. Ecco le raccomandazioni per un Capodanno in sicurezza.

fuochi d'artificio bambini
Adobe Stock

Non c’è Capodanno senza botti. I fuochi d’artificio la notte di San Silvestro sono una tradizione che investe tutte Italia, da nord a sud. Per quanto belli e scenici, però, nascondono anche molte insidie.

Di sicuro in presenza di bambini è bene stare molto attenti e avere più prudenza del previsto. Gli incidenti infatti sono dietro l’angolo e trasformare una serata di festa in tragedia è questione di un attimo.

Ci sono una serie di raccomandazioni da seguire che ogni anno la Polizia di Stato ribadisce e questi utili consigli non riguardano solo i bambini ma anche gli adulti. Quindi, se proprio non si vuole rinunciare a far scoppiare qualche botto ecco le regole da seguire. 

Ecco le raccomandazioni della Polizia di Stato

fuochi d'artificio bambini
Adobe Stock

I botti di Capodanno sono un’usanza che abbraccia tutta l’Italia dal nord al sud ma la prudenza quando si è in presenza dei bambini non è mai troppa. Quest’anno poi con le restrizioni a causa delle pandemia in molte città italiane sarà addirittura vietato scoppiarli.

Non solo a Roma, ma anche in tante altre città italiane è vietato fare i botti. Come Bari, Palermo, Treviso, Como, e molte altre città dove è stata emessa un’ordinanza. Pena multe più o meno salate e sanzioni anche penali.

Considerando poi che oltre a questi divieti c’è anche il coprifuoco dalle 22 alle 7 del mattino, allungato di 2 ore proprio per evitare festeggiamenti e conseguenti assembramenti, sarà difficile fare i fuochi d’artificio questo capodanno.

Tenendo dunque conto di tutte queste variabili, quest’anno molto probabilmente ci saranno davvero pochi spettacoli pirotecnici, in ogni caso qualora si decidesse di fare i fuochi d’artificio nel proprio cortile è bene comunque fare attenzione, specie in presenza dei bambini. 

La Polizia di Stato ha fornito alcune valide raccomandazioni da seguire specifiche per i bimbi:

1) I fuochi e i giochi pirotecnici anche più innocui come le stelline, i petardi, le miccette, i miniciccioli sono sempre pericolosi;

2) Non accenderli mai da solo, usali insieme a persone adulte o comunque più grandi di te;

3) Non nascondere i giochi pirotecnici nello zaino

4) Non raccogliere i giochi pirotecnici da terra

5) Se accendi un fuoco e non brucia lascialo a terra e chiama una persona adulta

6) Se vedi qualche bambino con giochi pirotecnici a scuola avverti la maestra.

7) Se i tuoi amici accendono i botti non stargli vicino, allontanati e riparati in luogo sicuro.

Oltre a queste specifiche accortezze per i bimbi è estremamente importante verificare che i botti siano legali e che abbiano il marchio CE sulla confezione. 

Oltre a questo sui fuochi artificiali deve essere apposta una delle categorie previste dalla vigente normativa (“F1”, “F2”, “F3”, “F4”).

Altro non sono che indicazioni che attestano il livello di rischio potenziale e la soglia di rumorosità dei prodotti; in base ad esse si può determinare chi può acquistare ed utilizzare i fuochi d’artificio. Ad esempio quelli F1 non possono essere acquistati dai minori di 14 anni, quelli F2 dai minori di 18 anni, la categoria F3 venduti solo ai maggiori di 18 anni e con porto d’armi e la F4 acquistabili solo da pirotecnici abilitati, con una certificazione del Prefetto, previo esame.

fuochi artificio bambini
Adobe Stock

Ovviamente con i bambini è bene stare attenti anche ai fuochi d’artificio più innocenti, verificando sempre sia che non li avvicinino troppo agli occhi, sia che non abbiano addosso indumenti che possano prendere fuoco. 

Teniamo anche conto del fatto che gli animali soffrono molto per il rumore dei botti, quindi dovremo proteggerli.

(Fonte: Polizia di Stato)