Forse non sai che questi carboidrati possono essere i tuoi alleati preziosi

Non tutti i carboidrati sono da demonizzare. Alcuni di essi possono essere alleati preziosi per il nostro corpo. Sta a noi scegliere quale tipo di energia assumere

carboidrati
(Getty Images)

“Noi siamo quel che mangiamo” sosteneva già a metà del 1800 il filosofo tedesco Ludwing Feuerbach e, alla luce degli studi più recenti e accreditati, si può affermare che aveva proprio ragione. La prevenzione per la salute passa anche dalla tavola, selezionando accuratamente tutti i cibi della nostra dieta quotidiana.

Quali alimenti integrare o eliminare? E’ questa la domanda più ricorrente, con l’obiettivo di scegliere solo il meglio per nutrire il nostro corpo. A volte, però, si commettono degli errori grossolani, come quello di demonizzare i carboidrati. Spesso si pensa che basta eliminarli per risolvere subito i problemi di sovrappeso. In realtà, le cose, non stanno proprio così.

I carboidrati non vanno tagliati fuori dalla nostra dieta, anzi! Basta soltanto scegliere quelli più adatti a noi. Sono l’energia necessaria per il corpo, ecco perché non possiamo farne a meno. Ma cosa s’intende, esattamente, con il termine carboidrati? E’ presto detto. Ci si riferisce a sostanze formate, generalmente, da carbonio e acqua, due elementi a dir poco fondamentali per l’alimentazione umana, perché sono la principale fonte d’energia per l’organismo.

Come si sa i carboidrati si distinguono in semplici e complessi e sono contenuti in quantità maggiore nei cereali e, per conseguenza, in alcuni cibi ricavati da essi. Parliamo quindi di pane, pizza, pasta ma anche di legumi e frutta. I carboidrati sono il ‘carburante’ indispensabile per il nostro corpo, che ne ha bisogno per andare avanti, muoversi e vivere. Senza di essi, quindi, viene meno una fonte d’energia davvero fondamentale.

Un piccolo limite, però, c’è. Alcuni carboidrati fanno salire un po’ troppo l’indice glicemico e questo è un problema per chi, ad esempio, soffre di diabete. Ecco che allora diventa importante selezionare accuratamente i carboidrati da portare in tavola. Dobbiamo imparare a conoscerne le proprietà e non eliminarli a prescindere. Scopriamo, insieme, quali privilegiare più di altri.

Carboidrati sì o no? Sono nostri alleati se scelti con cura

carboidrati
(Getty Images)

Come dicevamo poc’anzi, sarebbe un grave errore eliminare i carboidrati dalla nostra dieta, solo per preconcetto. Sono importanti per il nostro organismo! Il segreto consiste nell’individuare quelli più adatti a noi. Si tratta di capire bene quali mangiare.

Partiamo dai carboidrati semplici. Sono più facili da scomporre e assorbire ma sono anche quelli che incidono di più sull’indice glicemico e, nel tempo, mangiandoli di continuo, possono portare a resistenza all’insulina, infiammazione, aumento di peso e squilibri ormonali. In questa categoria rientrano a pieno titolo: pane bianco, riso, zucchero, dolci di vario tipo, miele e, infine, tutte le bibite zuccherate. Quindi, per questi cibi, sarebbe utile trovare delle alternative. Nel caso del pane bianco, ad esempio, lo si può sostituire con quello integrale.

Ci sono poi i cosiddetti carboidrati complessi, che sono ricchi di fibre e non posso essere scomposti in molecole di zucchero. Hanno una caratteristica particolare: rilasciano energia a lungo termine. Sono quindi fondamentali nella nostra dieta perché hanno effetti benefici sul corpo. I carboidrati complessi, infatti, sono in gradi di tenere a bada l’indice glicemico, contribuiscono alla regolarizzazione dell’intestino, stimolano il metabolismo in modo naturale e, infine, restituiscono una maggiore sensazione di sazietà anche con poche calorie. In questo gruppo di carboidrati rientrano fagioli, verdure, noci e cereali integrali.

Quindi, nonostante in molte diete si tenda a sostituirli con le verdure, i carboidrati possono essere davvero preziosi per il nostro benessere. Non dobbiamo vederli come nemici da combattere ma, piuttosto, come alleati. Dobbiamo essere accorti nell’effettuare un’attenta selezione. Sta a noi, infatti, scegliere quale tipo di energia immettere nel corpo. Possiamo puntare sui carboidrati semplici nella consapevolezza che, alla lunga, potrebbero causare alcuni problemi, oppure preferire quelli complessi, decisamente più ‘light’. Una cosa però è certa: il nostro organismo è una macchina perfetta e, per funzionare bene, ha bisogno del suo carburante, ovvero di energia.

Nell’attenta selezione degli alimenti da includere nella nostra dieta quotidiana, ricordandoci sempre che, a fare la differenza fra un cibo e l’altro, è anche la genuinità. Meglio optare per cibi con pochi ingredienti, al massimo 2 o 3, a garanzia di una maggiore freschezza. E’ importante leggere bene e con attenzione l’etichetta e, quando troviamo una mescolanza di 4 -5 o anche più ingredienti, bisogna essere consapevoli che potrebbero essere ricchi di additivi e conservanti e, quindi, non saranno mai la scelta più giusta, anche se si tratta di carboidrati semplici.

carboidrati
(Getty Images)

Speriamo di aver contribuito ad ampliare le tue conoscenza sul variopinto mondo dei carboidrati. Ora hai più elementi a disposizione per selezionarli con scrupolosità, nelle giuste quantità, ma senza privartene.