La tua matita occhi è del colore perfetto ma non si applica bene? Risolvi così

La consistenza della tua matita occhi è troppo dura e questo rende l’applicazione quasi impossibile? Con questo trucco (valido anche per le matite labbra) risolverai tutti i tuoi problemi!

matita nera i consigli per sceglierla applicarla e fissarla
Adobe Stock

Alcune matite occhi sono morbidissime, come quelle a base di kajal. Come sanno tutte le donne che fanno ampio uso di questo cosmetico, però, le matite occhi troppo morbide hanno la brutta abitudine di durare molto poco e di sbavare facilmente. 

Per questo motivo molte matite occhi hanno una consistenza più dura e resistente alle sbavature, caratteristica che le rende ideali per un trucco più duraturo e a prova di sfregamento.

Purtroppo però le matite occhi molto dure sono difficili da applicare, talvolta addirittura dolorose, dal momento che si tende a insistere più e più volte sullo stesso punto della palpebra mobile o della palpebra inferiore nel tentativo di lasciare un segno deciso.

Cosa fare quando si acquista per errore una matita che appare inutilizzabile?

Trasforma una matita occhi troppo dura nella migliore amica del tuo sguardo

trucco occhi matita
 (Instagram)

Una matita cosmetica ha una componente grassa che serve a conservare il pigmento ma anche a consentire alla matita di “scrivere” sulla pelle.

Quando però la componente grassa della matita è molto scarsa, accade che la traccia lasciata dalla matita sia molto leggera o addirittura scarsa. Un sistema infallibile per ammorbidire la matita affinché possa colorare più facilmente la pelle è quello di scaldare la punta della matita con un accendino per pochi secondi.

Si dovrà poi attendere qualche altro istante per far sì che la matita si raffreddi e la si potrà poi usare come sempre. Sarà sorprendente scoprire quanto facile truccarsi con una matita “riscaldata”, che in genere assume una consistenza morbida e setosa.

Prima di utilizzare la matita direttamente sull’occhio potrebbe essere utile fare delle piccole prove sul dorso della mano per capire quanto a lungo bisogna riscaldare la matita per ottenere l’effetto che si desidera, inoltre sarà un ottimo modo per testare la temperatura e capire quando sarà possibile utilizzare la matita sulle palpebre senza scottarsi.

Un ulteriore consiglio è quello di non avvicinare troppo la fiamma alla matita, per evitare di bruciare le fibre di legno che avvolgono la mina. Sarà molto meglio lasciare che la fiamma non tocchi direttamente il cosmetico, ma che sia solo il calore da essa sprigionato ad agire sulla mina della matita, ammorbidendola a distanza di sicurezza.

Naturalmente questo piccolo segreto può essere utilizzato su ogni tipo di cosmetico in forma di matita, anche per i matitoni da ombretto e per le matite labbra.