Morto Pierre Cardin, addio allo stilista che ha vestito i Beatles

Mondo della moda in lutto: all’età di 98 anni muore Pierre Cardin, stilista poliedrico e icona del glamour internazionale. Ha vestito anche i Beatles.

Pierre Cardin è morto a 98 anni (Getty Images)
Pierre Cardin è morto a 98 anni (Getty Images)

Lutto nel mondo della moda: è morto all’età di 98 anni lo stilista Pierre Cardin. Il celebre francese è una delle icone del settore che ha il vanto di aver vestito le maggiori icone del nostro tempo. Pietro Costante Cardin, al secolo, era nato in Italia a Sant’Andrea di Barbarana (in provincia di Treviso) nel 1922. All’età di 2 anni, però, lasciò l’Italia insieme ai suoi genitori che, impauriti dall’avvento del fascismo, emigrarono in Francia.

Lì Cardin crebbe e maturò come uomo e professionista: fra i primi a sdoganare l’unisex e a lanciare il pret-a-porter nella moda. Sempre con uno spiccato piglio avanguardista, ridisegnò i canoni dello stile e delle tendenze: con lui Paco Rabanne e Andrè Courregges agevolarono la moda futurista.

Morto Pierre Cardin: aveva 98 anni

Moda in lutto, è morto Pierre Cardin (Getty Images)
Moda in lutto, è morto Pierre Cardin (Getty Images)

Persino il concetto di sfilata con Pierre Cardin è cambiato: fu lui, infatti, il primo a organizzare eventi di moda nelle grandi mete turistiche non occidentali. Ricordiamo manifestazioni glamour presso la Muraglia Cinese o la Piazza Rossa a Mosca. Fra gli altri, ha vestito anche i Beatles definendo il concetto di rivoluzione accostato alla musica e all’abbigliamento.

Si è spento, dopo una vita trascorsa sulla cresta dell’onda, nell’ospedale statunitense di Neuilly-sur-Seine, nei pressi di Parigi. A dare l’annuncio la famiglia che ha voluto ricordare, per omaggiarlo in attesa delle cerimonie funebri, il suo estro e la sua audacia. Qualità che metteva nella vita e nel lavoro: basti pensare che è stato anche il primo stilista ad essere ammesso all’Accademia delle Belle Arti di Parigi. Un’esistenza straordinaria che ha saputo bilanciare esaltazione e fragilità nelle pieghe del talento – non sempre belle – per arrivare alla celebrità intramontabile. Possibilità che viene concessa soltanto ai migliori.