Bonus auto elettriche 2021: a chi spetta e quanto vale

Bonus auto elettriche 2021: a chi spetta e quanto vale l’incentivo previsto per il 2021 dal governo e destinato alle vetture ecologiche

(Getty Images)

In mezzo alle agevolazioni inserite nell’ultima Manovra fiscale da parte del governo spuntano anche quelle dedicate al mercato dell’auto per rilanciarlo in chiave ecologica. Ecco quindi il bonus per coprire il 40% delle spese per acquistare una macchina elettrica entro il 2021.

Complessivamente sono stati previsti 250 milioni di euro per il motore termico euro 6 per acquisti fino al prossimo giugno, 120 milioni per l’elettrico fino a dicembre e 50 milioni per i veicoli commerciali. Il bonus del 40% copre una platea ampia. Sarà destinato infatti a chi dimostra un reddito Isee inferiore a 30mila euro, a patto che il prezzo del veicolo acquistato non superi la stessa cifra. Inoltre questo incentivo non sarà cumulabile con l’Ecobonus.

Bonus auto elettriche 2021, arrivano anche le modifiche agli ecoincentivi

(Getty Images)

Questa è solo una delle agevolazioni legate al settore auto presenti nella Manovra. Un provvedimento che ha ottenuto il via libera della Camera ed è atteso dal passaggio in Senato prima di entrare in vigore.

Tra gli altri incentivi dedicati espressamente al mondo dell’auto è prevista anche la modifica degli attuali ecoincentivi per l’acquisto di auto nuove, con prezzo di listino fino a 50mila euro. Infatti dovrebbe aumentare il bonus per i veicoli con emissioni di CO2 fra 0 e 20 g/km (lettrici o ibridi ricaricabili) arriva un incentivo di 10mila euro con la rottamazione della vecchia auto, ma scende a 8000 senza rottamazione.

Per le vetture con emissioni fra 21 e 60 g/km, l’agevolazione arriverà fino a 6.500 euro con rottamazione e a 3.500 euro senza rottamazione. In ultimo, per i veicoli con emissioni fra 61 e 135 g/km, anche con motore termico, previsto un incentivo di 3.500 euro in caso di rottamazione, ma solo in  quel caso. Approvata anche la proroga fino al 2026 per l’agevolazione sull’acquisto di moto elettriche o ibride, pari al 40% con rottamazione o al 30% senza.

Infine nella Manovra è stato inserito un provvedimento per aumentare il costo della revisione periodica dei veicoli. Un aumento pari a 9,95 euro che dovrebbe portare a una spesa complessiva, compresa dei diritti di motorizzazione, versamento postale e Iva, di 79,02 euro. La misura dovrebbe partire entro 30 giorni dall’approvazione della Legge di Bilancio.